Z’ Jangiulèin’ soup’ o trajèin’ Zio Angiolino sul traino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Z’ Jangiulèin’ soup’ o trajèin’ Zio Angiolino sul traino

Politica e cultura
Pagina a cura di Vito Raguso
Z’Jangiulèin’
s’ jalz’ subt’ la matein’,
jess’ u moul da jind’ a la stadd’
ng’ mett’ u cuddoir’ p’ l’ uarn’mind’,
l’avv’cein’ o trajèin’, jalz’ l’ s’ddangh’
e attakk’ u moul’ sott’.
Appicc’ u lampoir’ cajè angour’ nott’
e l’appénn’ sott’ o trajèin’
a la vi’ d’ droit.
P’ la santa pacienz’
nghion’ soup’ o trajèin,
auànd’ l’ ret’n’ e greid’ o moul: Jòh!
ka subbt’ s’abbèj’ p’ la vì d’ four’,
ton’ da camm’né p’ tre jour’.
A la nghianoit’ d’ Tempaross’,
z’Jangiulèin’ piggh’ u scrusciot’
e, gr’dann’ soul’ soul’,
am’nàzz’ u moul’
ka avà cam’nè,
senz’ a f’rmars’ mè.
A la sc’nnout’ d’ l’Canalecchj’
z’Jangiulein’ ammoin’ la mart’llein’
ka foisc’ fr’sc’chè l’ rout’ dutraièin’,
p’ no fèmb’rt’kè.
Camm’nann’ camm’nann’,
a la vi’ d’ four,
jè bell’ a s’ndì  l’ salout’
a la primour’.
Na volt’ ka av’arr’voit’four,
p’ ddè u trajèin’ all’andròit’
z’Jangiulein greid’ o moul: Err’ghiàh!(1)
E u moul, camm’ nu crist’jon’,
s’ dosc’ all’ androit’.
Cundend’ ka av’arr’voit’four’,
z’ Jangiulein’attàkk’ p’ l’ ret’n’
u moul’ a la mangiatour’ p’ fall’u mangé e r’pusè;
po piggh’ l’ str’mindd’ d’ four
p’accum’nzè…… a fat’jè.
Zio Angiolino
si alza presto al mattino,
mette fuori il mulo dalla stalla,
gli infila il collare e gli altri finimenti,
lo avvicina al traino, solleva le stanghe
e vi allaccia sotto il mulo.
Accende la lampara, essendo ancora notte,
che appende sotto il traino
nella parte posteriore.
Con santa pazienza,
sale sul traino,
afferra le redini e grida al mulo: Vai!
che subito s’avvia verso la campagna,
ha da camminare per tre ore.
Alla salita di Temparossa,
zio Angiolino afferra la frusta
e, gridando lui da solo,
incita il mulo
che deve camminare
senza mai fermarsi.
Alla discesa delle Canalecchie,
zio Angiolino, tira la fune collegata al freno
del traino, che picchiettando a martello,
lo fa rallentare per non farlo sbandare.
Lungo la via
verso la campagna,
è bello ascoltare i saluti che si scambiano
i viandanti,  di primo mattino.
Giunto in campagna,
per far retromarcia col traino,
zio Angiolino grida al mulo: Vai all’indietro!
E il mulo, come se fosse persona consapevole, indietreggia.
Contento di essere arrivato a destinazione,
zio Agiolino lega con le redini il mulo
alla mangiatoia per farlo mangiare e riposare;
poi afferra gli arnesi della campagna
per incominciare….. a lavorare.

Composizione in dialetto e corrispondente versione in Italiano di Pietro Elia

In alto foto originale del traino e del personaggio: Angelo De Veteris, contadino che guida il traino, familiarmente chiamato:  “z’ Jangiulèin’”. “L’ultimo dei Moikani”. Così veniva da me apostrofato mentre don Angelo Casino, sorpreso e sorridendo scattava la foto, quasi a perpetuarne il ricordo.

(1) Voce araba che significa “Indietreggiare”, come ve ne sono altre nel nostro dialetto: abbasc’ (giù), zaraff’ (ragazzo), g’lepp’ (dall’ arabo gulab e dal persiano yulep) che significa sciroppo a base di zucchero per dolci.

Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu