U rùcchel de San Gesèpp

Vai ai contenuti

Menu principale:

U rùcchel de San Gesèpp

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Ngredìnd
nù chìl de farìn de gròin,
nù pìcch de crescènd o de lìvet de bìrr,
nù chìl de cepòdd Iòng, (le spunzole)
miinz chìi de pàssel,
nu quìnd e cenquanda gràmm d'alic salòit,
pàip e sòil
miinz litr d'uggh.
Se mbast la farìn pe na cucchiòir de sòil e u crescènd e se fòisc crèsc. Le cepòdd se menòzzen a pezzìtt e se fàscen ammurtèsc jnd'a l'uggh se mètt nu pìcch de sòil. Quànn la pàst jè cresciùt se fòisc la lajanèdda fina fin, se mettèn tutt le ngredìnd e s'arrutelòisc. Se mèttjnd'o chettùrjùnd d'uggh e se scacàzz pe la mòin. Se còusc jnd'o fùrn a fùch lìnd, pe na bòun'a mènzour.

Focaccia di San Giuseppe (O rùcchel)
Ingredienti
1 kg di farina di grano duro,
un lievito di birra, o lievito di casa,
1 kg di cipolle lunghe,
mezzo chilo di uva passa,
250 gr. di alici salate,
pepe, sale,
mezzo litro di olio di oliva.
Impastare e far lievitare la pasta. Friggere le cipolle nell'olio, facendole appassire. Quando la pasta è lievitata, stendere una sfoglia sottilissima, condirla con gli ingredienti e arrotolarla. Metterla in una teglia unta d'olio e schiacciarla. Cuocerla a fuoco lento nel forno per un'ora circa.

U CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997

Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu