U ciambòtt - Il pasticcio

Vai ai contenuti

Menu principale:

U ciambòtt - Il pasticcio

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
U ciambòtt
Pe quàtt persùn
4 paparùl giàll, rùss' o vìerd o mescecòit
na bèlla cepòdda gròss
4 òuv,
miinz chil de pemedòur rùss
nu quindecìdd d'uggh

Se sfrìscen le paparùl jnd' a la sartascen, se l'òiv la péll e se tàgghen a srisc. Jnd' a cuss'uggh se fòisc ammurtèsc la cepòdd ca prìm se tàggh a fèdd nu pìcch fattìzz, dòpp se mètt' u pemedòur e se fòisc còusc, se mett' u sòil e le paparùl e dopp cingh menùt se mètten l'òuv. Quànn l'ùv jè quagghiòit se mètt na pezzecòit de fermàgg.

II pasticcio
Ingredienti (per 4 persone)
4 peperoni gialli, rossi, verdi o meglio assortiti
una grossa cipolla,
4 uova, mezzo chilo di pomodori rossi
200 gr. circa di olio

Si friggono i peperoni, si toglie la pelle e si tagliano a strisce. Nella stessa padella e nello stesso olio si fa appassire la cipolla affettata, si aggiunge il pomodoro e si fa cuocere. Nel pomodoro si fanno cuocere i peperoni e dopo cinque minuti si mettono le uova. Quando le uova sono rafferme si aggiunge un pizzico di formaggio.

U CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu