U balcoune de Marì Il balcone di Maria

Vai ai contenuti

Menu principale:

U balcoune de Marì Il balcone di Maria

Politica e cultura
Soupe a chessa vie
stè u balcoune de Marì.
Iè la'ammidie del la vecène
tutte iaruffe e ciclamène…
Stè la rouse arrambechète
iè u balcoune de na fète;
bianche e bèlle la margherita
cusse balcoune père na zèite…
Tutte u vòlene dacassì
comme u balcoune deMarì!
Fèsce belle la strète,
tutte fiùre colorète…
Dèisce la bèlla Marì:
cusse balcoune iè schitte u mì…
Nan mu scèite ammedianne
tenghe fiure p' tutte l'anne…
Na fenestre fiorèite
père na fèste ca te 'mbeite,
ma na fenestre sanza fiore
père ca chiange senza coloure.
Sopra a questa via
Sta il balcone di Maria.
È l'invidia della vicina
tutto garofani e ciclamini…
C'è la rosa rambicante,
è il balcone di una fata;
bianca e bella la margherita
questo balcone sembra una sposa.
Tutte lo vogliono così
come il balcone di Maria!
Fa bella la strada
tutti fiori colorati…
Dice la bella Maria:
Questo balcone è solo il mio…
Non me lo invidiate
ho fiori per tutto l'anno…
Una finestra fiorita
sembra una festa che ti invita,
ma una finestra senza fiore
sembra che pianga senza colore.
Graziella Versetto
Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu