Taràdd de la Maculòt

Vai ai contenuti

Menu principale:

Taràdd de la Maculòt

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Tradizioni della Festa dell'Immacolata

II 7 Dicembre, vigilia dell'Immacolata Concezione, per tradizione religiosa si fa il digiuno (cioè non si fa colazione) e a mezzogiorno si mangia solo il tarallo. Il tarallo è fatto con la pasta del pane e con semi di finocchio, in seguito viene lessato e messo in forno. A sera tutti si uniscono in famiglia e si mangia come prima portata, spaghetti alla San Giovaniello e per secondo, baccalà fritto, pesce, pettole a vento e altre cose, secondo i gusti della gente. La sera stessa, altre famiglie, invece, mangiano tagliatene fatte in casa, con le rape, aglio, olio e peperoncino.
Alla vigilia dell'Immacolata, si può mangiare tutto, tranne la carne. Per concludere la serata allegramente, si gioca a tombola, a carte e altri giochi.

Taràdd de la Maculòit
Quàtt quìnd de farìn de gròin,
nu quìnd de farina biàngh (00)
na cucchiòir de sòil
na ciambòit de semènd de fenùcch
50 gr. de anic a spiret
nu pìcch de crescènd o nu lìvet de bìrr

Se tròmb pe l'acqua cali e se gramenòisc bèlla, bèli. Quànn la past jè lise, se fascen le taràdd e se mètten acrèsc sòtt' a la cupèrt, pe n'orètt. Quànn se vèen bèll'abbuttòit, s'mbòren.

Taralli dell'Immacolata
Ingredienti
800 gr. di farina di grano
200 gr. di farina tipo 00
1 cucchiaio di sale
1 lievito di birra, seme di finocchio selvatico,
50 gr. di liquore all'anice
Impastare la farina con lievito, sale, acqua calda, seme di finocchio e liquore. Lasciare lievitare la pasta ben coperta per circa 1 ora, dopo aver formato dei grandi taralli di quasi 300 gr. l'uno. Dopo la lievitazione mettere in forno a 300.

U CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu