proverbi e detti popolari gravinesi - V - - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - V -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Va bène, disse u mòneche a Maddalène
Va bene, disse il monaco a Maddalena
Vacca addàu ve, e vìende addàu vòule
Vacca dove va, e vento dove vuole: non lo puoi impedire
Vacche pe bellezze, e pèchere pe recchezze
Vacche per bellezza, e pecore per ricchezza
Vara varra spetterrune
Barra barra a traboccare: pieno al massimo.
La barra serviva a
pareggiare l'orlo del contenitore di grano o farina
Ve alla fère e nan zè accatta: catte giòvene e fatte frechè
Vai alla fiera e non sai comprare:
compra giovane e fatti fregare
Vè carescianne l'àcque alle mùerte
Va trasportando l'acqua per i morti:
procede con molta lentezza
Ve 'cchianne le uè pu lambère
Va cercando i guai con la lucerna: se li va cercando
Ve 'cchianne u pile inde all'ùeve
Va cercando il pelo nell'uovo
Vecine alla chiese e lundène da Criste
Vicino alla chiesa e lontano da Cristo
Vede fé iè sapè fé
Veder fare è saper fare
Ve do potute e nòune do sapute
Vai dal patito e non dal saputo
Ve lavanne le pìete a Criste
Va lavando i piedi a Cristo:
Sono tante le sue lacrime che bagna i piedi del Crocifisso cercando sollievo alle sue disgrazie
Véle chiù a sapè disce c'a sapè fatiè
Vale più saper dire che saper lavorare
Véle chiù la paròule ca nu cundratte
Vale più la parola che un contratto
Véle chiù nu bùene nòume ca na granna recchezze
Vale più un buon nome che una grande ricchezza
Véle chiù nu picce ca cìende duchète
Vale più un capriccio che cento ducati:
fa più la volontà che la ricchezza
Vendra chiàine vòule repòuse
Pancia piena vuole riposo
Vendra chiatte vòule la zappe,
vendre appezzute vòule u fuse
Pancia piatta vuole la zappa,
pancia appuntita vuole il fuso.
Quando la donna è incinta, se la pancia è piatta nascerà un maschio, se si presenta a punta nascerà una femmina
Vendra desciune (vacande) na sende a nesciune
Pancia digiuna (vuota) non sente nessuno
Vendra màie fatte capanne, ca iè la notte de san Giuanne
Pancia mia fatti capanna, perché è la notte
di san Giovanni
Vendra vacande nan capisce raggiòune
Pancia vuota non capisce ragione
Vendra vacande nan z'arrèsce deponde
Pancia vuota non si regge in piedi
Véne bène la téla màie, šcatte e crèpe ci la tesse
Viene bene la mia tela, schiatti e crepi chi la tesse
Véne la tigne, e cacce u patrune de la vigne
Viene la tigna, la malattia delle viti, e caccia, rovina, il padrone della vigna
Vènene da pèchere, e se ne vonne da lupe
Vengono da pecore, e se ne vanno da lupi
Venge cudde de méne
Vince quello di mano: in caso di parità, il primo ha la vittoria
Vére a dè, e vére ad avè
Vero a dare, e vero ad avere: quando si dice la verità, spesso non si ottiene quanto dovuto, non conviene
Versura torte cambe porte
Versura torta cambio porta (?)
Ve sembe sàupe sàupe camme l'ùgghie
Va sempre sopra sopra come l'olio. Galleggia sempre come l'olio, se la cava, vuoi primeggiare
Vèse na fèsce pertuse
Bacio non fa buco
Vè tire u pile da 'mmocche o pùerche
Va a tirare il pelo dalla bocca del porco:
eccesso di scrupolo
inutile, perché la bocca del maiale è sempre sporca
Vè vedenne u pile ìende all'òcchiere de l'alte, e nòune u trève ìende all'ùcchie sù
Va vedendo il pelo negli occhi altrui, e non la trave nell'occhio suo
Vè vide addàu ame a sci appenne le vesazze
Vai a vedere dove dobbiamo andare ad appendere le bisacce: come dobbiamo sistemarci
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005-2022 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti