proverbi e detti popolari gravinesi - U - - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - U -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Uarde addò mitte u pète
Guarda a dove metti i piedi,
fai attenzione a quello che fai
Uàrdete da ricche apezzendute
e da pezzende arrecchesciute
Guardati da ricco impoverito e da povero arricchito
Uàrdete da vàscia cadute
Guardati da bassa caduta
Uardiène e mèle crestiène alla vecchiezze mòrene de fème
Guardiani e cattivi alla vecchiaia muoiono di fame
U balle iè fernute, le 'mbetète se n'anne sciute
Il ballo è finito, gl'invitati se ne sono andati
U bene du patrune iè camme u mìere de le fiascune
Il bene dei padroni è come il vino dei fiasconi,
non buono
U bene iè na còuse e u 'ndérèsse iè n'alte
Il bene è una cosa e l'interesse è un'altra
U bène non ze venne e non z'accatte
Il bene non si vende e non si compra
U bùene marite fèsce la bona megghière
(e la bona megghière fèsce u bùene marite)
Il buon marito fa la buona moglie
(e la buona moglie fa il buonmarito)
U busciarde av'avè bona memòrie
Il bugiardo deve avere buona memoria
U busciarde, pure ci disce la veretè, na véne credute
Il bugiardo, anche se dice la verità, non viene creduto
U cafòune na devende me segnòure
Il cafone non diventa mai signore
U canarile iè stritte, ma se mange la chèse
pe tutte u titte
La gola è stretta, ma si mangia la casa con tutto il tetto
U càndere šcardate nati ze rombe me
Il vaso scheggiato non si rompe mai
U canneline 'mmocche o pùerche
Il confettino in bocca al porco
U cavadde bùene se vede alla 'nghianète
Il cavallo buono, valente, si vede alla salita
U cavadde iastemète, 'nge lusce u pile
Il cavallo bestemmiato, gli luce il pelo
U chelomme mature chède da sule
Il fiorone maturo cade da solo
U chène ca šchème na tire mòzzeche
Il cane che abbaia non morde
U chène du iazze nann'abbaièsce
Il cane dell'ovile non abbaia, ma morde senza preavviso
U chène le pùdece tene
Il cane ha le pulci
U chiù fesse porte la cròusce
Il più fesso porta la croce
Succede nelle processioni, ma anche nella vita
U ciucce, addàu iè cadute na volte, na chède chiù
L'asino, dove è caduto una volta, non cade più
U ciucce ca n'amméne la càute a vind'anne,
na l'ammène chiù
L'asino che non caccia la coda a vent'anni,
non la caccia più.
Chi da giovane non ha cercato l'anima gemella difficilmente lo farà dopo
U ciucce l'annusce, e u ciucce se la mange
L'asino lo porta, e l'asino se lo mangia: la paglia
U ciucce mi-a valende porte la salme e nan ze la sende, e ci se la sendàie sembe ciucce rumanàie
Il ciuccio mio valente porta la salma (il peso) e non se la sente, e se la sentiva sempre asino rimaneva
U ciucce, pe nan tré la corde, se fèsce mangè
dalle mosche
L'asino, per non tirare la corda,
si fa mangiare dalle mosche
U ciucce vècchie mòure alla chèse du fesse
L'asino vecchio muore alla casa del fesso
U còure forte rombe la mala sorte
Il cuore forte rompe la mala sorte
U còure iè cechète, ma na sbàglie me
Il cuore è cieco, ma non sbaglia mai
U cresce a latte d'acìedde
Lo cresce a latte d'uccello,
cioè con tutte le cure possibili
U cuàndere rutt dure de chiù de cudde sène
Il cantaro rotto dura più del sano
U cundratte ca nan ze fèsce iè u mègghie
Il contratto che non si fa è il migiore
U cunzìgghie na paiète na vène apprezzète (sendute)
Il consiglio non pagato non viene apprezzato (sentito)
U delòure iè de ci se dòule
Il dolore è di chi si duole
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005-2022 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti