proverbi e detti popolari gravinesi - S - - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - S -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Sacche vacande nan ze rèsce deponde
Sacco vuoto non si regge in piedi
San Catalle porte u calle
San Cataldo, il 10 Maggio, porta il caldo:
è finita la cattiva stagione
Sanda Babbiène porte la Quarandène
Santa Bibiana, il 2 Dicembre, porta la quarantena: seguono quaranta giorni con lo stesso tempo
Sanda Bebbiène, quìnnece dì e na semène
Santa Bibiana, quindici dì ed una settimana. Da santa Bibiana, il 2 Dicembre, mancano 22 giorni a Natale
Sanda Catarine, chiù crescende ca farine
Santa Caterina, più lievito che farina. Dal giorno di santa Caterina, il 25 Novembre comincia a fare più freddo, perciò bisogna aumentare la quantità di lievito per fare il pane, sopperendo in tal maniera alla mancanza di calore, altrimenti la massa non cresce come dovrebbe
Sanda Catarine, la nàive sàupe alla spine
Santa Caterina (d'Alessandria, il 25 Novembre), la neve sulla spina: incomincia la cattiva stagione
Sanda Catarine, nu passe de iaddine
Santa Caterina (25 Novembre), un passo di gallina. Le ore di luce vanno lentamente diminuendo
Sanda Chière: prime fu arrubbète, e doppe se faci la porte de fìerre
Santa Chiara: prima fu derubata, e poi si fece fare la porta di ferro
Sanda Chière: prime se fèsce arrubbè e pò mette la 'nzerrine
Santa Chiara: prima si fa derubare e poi mette la serratura
Sand'Agustine, la chèpe sòupe o cuscine
Sant'Agostino (28 Agosto), la testa sul cuscino: è meglio riposare
Sanda Lucì, manghe la notte e cresce la dì
Santa Lucia, 13 Dicembre, manca la notte e cresce il dì
Sanda Luci, nu passe de iaddine la dì
Santa Lucia, un passo di gallina al giorno. Dopo il 13 Di
cembre, festa di santa Lucia, la durata del dì comincia a crescere lentamente (era vero fino alla riforma gregoriana)
Sanda Luci, quande iè la notte tande iè la dì
Santa Lucia, il 13 dicembre, tanta è la notte quanto è il dì: tante sono le ore di buio quante quelle di luce. Poteva essere vero prima della riforma gregoriana del calendario giuliano
Sanda Luci, u Natèle a trìdece dì, ma ci mègghie vu cundè, dùdece se ne vonne acchiè
A santa Lucia il Natale a tredici dì, ma se meglio vuoi contare, dodici se ne devono trovare
Sanda Mari, l'ùgghie è pe la vì
Santa Maria, l'olio è per via. Il 15 Agosto si può prevedere come andrà la raccolta delle olive
Sand'Andònie ne faci trìdece, e san Cannòune (sande Mangiòune) ne faci quattòrdece
Sant'Antonio ne fece tredici, di miracoli, e san Cannone (san Mangione) ne fece quattordici. Con la preghiera al Taumaturgo (13 Giugno) si ottengono miracoli, ma ancor più con la forza e la violenza (il cannone), o con la corruzione (san Mangione)
Sand'Andònie, né la zappa vècchie e damme chedda nòuve
Sant'Antonio, tieni la zappa vecchia e dammi quella nuova. Con queste parole si gettava sui tetti il dente da latte caduto, chie dendo quello nuovo
Sand'Andònie s'annamurò du pùerche
Sant'Antonio Abate (17 Gennaio) s'innamorò del porco. Il santo viene raffigurato sempre con un maiale ai piedi, simbolo del demonio e della tentazione della carne
Sand'Andùene, màšchere e sùene
Sant'Antonio Abate, maschere e suoni: il 17 Gennaio cominciava ufficialmente il periodo di Carnevale
Sand'Anne, tìrele 'nganne
Sant'Anna, tirala fuori: aiutala a partorire. La madre della Madonna (26 Luglio) protegge le partorienti
Sanda Rène, fòure le ualène
Sant'Irene, fuori i gualani. Ad Altamura, per la festività della santa protettrice, il 5 Maggio, con il bel tempo, gli aiutanti dei bovari vengono mandati a pascolare il bestiame fuori dalle stalle
Sande Catalle porte u calle
San Cataldo (10 Maggio) porta il caldo
Sande Luche, la semende na muche
San Luca (18 Ottobre), il seme non marcisce.
Si può seminare
Sande Necòule, le meninne vonne alla scòule
San Nicola (6 Dicembre) i bambini vanno a scuola: non è festa a scuola se non a Bari
Sande Pìete, pòvere a cudde cambe ca stè 'mbìete
A san Pietro povero campo che sta in piedi: per il 29 giugno bisogna aver mietuto il campo di grano
Sande Rocche, ci mange prime na munge doppe
San Rocco (16 Agosto),
chi mangia prima non mangia dopo
Sande Rocche vève e arrocche
San Rocco beve e nasconde (la fiasca). San Rocco è raffigurato con bordone e fiasca
Sande Stèse, vite acciocché iè rumèse
Santo Staso (7 Maggio) vedi che cosa è rimasto
A quella data
puoi già fare previsioni abbastanza esatte sul raccolto
Sande Velèse, pe fesse l'onne rumèse
San Biagio, per fesso l'hanno lasciato
Sande Vite, verde o secchete, vù metite
San Vito (15 Giugno), verde o secco, voi mietete
È tempo di mietere
San Dunète, u vìerne iè nète
San Donato (22 Ottobre), l'inverno è nato
San Giuanne, ammìnete a mère pe tutte le panne
A san Giovanni, il 24 Giugno, buttati a mare con tutti i panni: il caldo è ormai arrivato
San Giuanne, falcia 'nganne
San Giovanni (24 Giugno), falce al collo:
la mietitura è nel pieno.
Si ricordi che i mietitori recavano la falce sulla spalle a tracolla
San Giuanne, lasse u fìgghie e pigghie la mamme
A san Giovanni lascia il figlio e prendi la mamma: dopo il 24 Giugno, non mangiare più la carne dell'agnello, ma quella della pecora, che è migliore
San Giuanne na vòule 'nganne
San Giovanni non vuole inganni: non si può tradire un compare di san Giovanni, cioè di battesimo
San Giuanne, ogni chelomme passe da 'nganne
A san Giovanni, il 24 giugno, ogni fiorone passa dalla gola: è maturo e si può mangiare
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2021 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti