proverbi e detti popolari gravinesi - Q -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - Q -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Quando, fastìdie se pìgghie u prèvete:
ca la mamme ière bedda fatte
Quanti fastidi si prende il prete:
perché la mamma era bella.
Il prete si dava da fare, perché aveva un secondo fine
Quanda uè av'avute u line, l'acque lu matureQuanti guai ha avuto il lino, l'acqua lo matura:
basta che piova
Quande chiù stème chiù 'Ngalàbbrìe ne scième,
e chiù Calabbrise acchième
Quanto più stiamo più in Calabria andiamo, e più Calabresi troviamo: le cose peggiorano sempre più
Quanne a da murì, manghe le sùreche t'onne
a vulè mangè
Quando morirai, neppure i topi ti vorranno mangiare,
tanto sei cattivo
Quanne alla fèmene u cule l'abballe, ci nann'è puttène diàvela falle
Quando alla donna il culo le balla, se non è puttana
diavola falla
Quanne ammène lévandìne, tutte le cafune
alla candine
Quando soffia il levantino, tutti i cafoni all'osteria
Quanne a na vanne non zi 'mbetète,
camme nu ciucce sì apprezzète.
Quando ad un posto non sei invitato,
come un ciuccio sei trattato
Quanne annuvelèsce sàupe alla scelature,
iè iacqua secure
Quando il cielo si rannuvola sulla brina, piove di sicuro
Quanne arrive a cinguand'anne,
ogni matine te iacche nu danne
Quando arrivi a cinquant'anni,
ogni mattina ti ritrovi un danno
Quanne cande u uadde a condròure,
o chiòuve o iesse u sòule
Quando canta il gallo fuori orario, o piove o esce il sole
Quanne cange u vìende, marenère statte attìende
Quando cambia il vento, marinaio statti attento
Quanne chiòuve ad Aguste, mìere e muste.
Quando piove ad Agosto, vino e mosto
Quanne chiòuve a ialbe e iurne, tutte
la dì iè nu laturne
Quando piove ad alba e giorno, tutto il dì è un lamento
Quanne chiòuve alla Brune, patène e melune
Quando piove alla Bruna, patate e meloni
La Madonna della Bruna, protettrice di Matera,
si festeggia il 2 Luglio
Quanne chiòuve alla fère de Gravine,
se iègnene le camine
Quando piove alla fiera di Gravina, si riempiono i granai
Quanne chiòuve da lévànde, le frabbecature
'mbacce a Férrànde;
quanne chiòuve da punende, le frabbecature
'mbacce a Clémènde
Quando piove da levante, i muratori davanti a Ferrante; quando piove da ponente, i muratori davanti a Clemente. Ferrante e Clemente sono due bar: in definitiva, quando piove, i muratori non lavorano mai
Quanne chiòuve e fàscene le vodde,
chiòuve pe tre dì
Quando piove e (le gocce) fanno le bolle,
piove per tre giorni
Quanne chiòuve e nevechèsce,
tutte le fùesse ionne paréte
Quando piove o nevica, tutti i fossi sono apparati
Quanne chiòuve e venghe 'mbusse,
'ngùedde a tiche m'àgghie a 'ssucuè:
tu tìene u 'ssucapanne e da suquè da tutte le vanne
Quando piove e vengo bagnato, addosso a te mi devo asciugare: tu hai l'asciugapanni
e devi asciugarmi da tutte le parti.
Può essere il canto d'amore di uno spasimante
Quanne chiòuve 'nnanze a caste, ìegnete le comete
Quando piove davanti a casa tua, riempiti i recipienti.
Erano i tempi in cui non c'era acqua corrente in casa e si raccoglieva quella piovana
Quanne chiòuve, pàssele e fiche
Quando piove, uva passa e fichi
Quanne chiòuve sàupe o mùerte, chiòuve tre nùette
Quando piove sul morto, sul funerale,
piove per tre notti
Quanne chiòuve, zappe Criste
Quando piove, zappa Cristo
Quanne Criste achiute na porte, iapre nu pertòune
Quando Cristo chiude una porta, apre un portone
Quanne Criste na vòule, le sande na pòtene
Quando Cristo non vuole, i santi non possono
Quanne Criste vòule aiutè, sèpe ìedde
ciocche av'a fé
Quando Cristo vuole aiutare, sa lui che cosa deve fare
Quanne dù se volene, cìende cavadde
na vàlene nudde
Quando due si vogliono,
la forza di cento cavalli non può separarli
Quanne fatiche alla feste, u diàvele se veste
Quando lavori il giorno di festa, il diavolo si veste,
se la ride
Quanne iàcchie ci t'annèche, chiange sembe
Quando trovi chi ti culla, piangi sempre
Quanne iàcchie u mòneche a caste,
pigghiatille a rise
Quando trovi il monaco a casa tua, prenditela a ridere.
Fai buon viso a cattivo gioco
Quanne ialte nann'è (nann'àcchie)
pe màmete te culche
Quando altro non hai (non trovi) con tua madre ti corichi: il male minore
Quanne iè franghe iùngeme tutte
Dal momento che è gratis, ungimi tutto.
Così disse al barbiere il cliente, nel sentire che la pomata lenitiva era compresa nel prezzo della rasatura della barba.
Oppure: così disse un moribondo al prete che gli dava l'estrema unzione
Quanne ìend'a na chèse na trèse u sòule,
trèse u mìedeche
Quando in una casa non entra il sole, entra il medico
Quanne iè tìembe de mète, mètene pure
le falce scugnète
Quando è tempo di mietere, mietono anche le falci che hanno perso l'affilatura
Quanne iè tìembe de venemè, zizì da do zizì da de;quanne se
zappe e quanne se pòute, fòura zizì e fòura nepòute
Quando è tempo di vendemmiare, zio di qua e zio di là; quando si zappa e quando si pota,
niente zio, e niente nipote.
Al raccolto sono tutti pronti, al lavoro nessuno
Quanne iè u vìerne, 'nge vòule fùeche e strafùeche
Quando c'è l'inverno, ci vuole fuoco e cibo in abbondanza
Quanne iune chiange, stè iune ca rire
Quando uno piange, c'è qualcuno che ride
Quanne iune iè fatte vècchie, pìgghie
e ve 'lla scìette
Quando una è diventata vecchia, prendila
e valla a buttare
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2020 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu