proverbi e detti popolari gravinesi - P -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - P -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
Pacce e criature, Criste l'aiutePazzi e bambini, Dio li aiuta
Pàgghie assè e picche grènePaglia assai e poco grano
Pàgghie e pagghizze, la vendra batte
e u evie s'appizze
Paglia e pagliaio, la pancia batte e il culo s'appuntisce:
a stare digiuni, o a mangiare verdura (paglia) la pancia rumoreggia e si dimagrisce
Pagghièra vècchie, quonne s'appicce, so uèPagliaio vecchio, quando s'incendia, son guai:
l'ira degli anziani è più rara, ma più focosa
Pàime pe le cìcerePagami con i ceci, con i quattrini.
I "ceci" indicano in gergo i soldi
Paìse ca vè, usanze ca trovePaese che vai, usanze che trovi
Palma 'mbosse, gregna grossePalma bagnata, bica grossa: se piove la Domenica delle Palme, sarà buono e abbondante il raccolto del grano
Pe caccè le solte 'nge vòule la méne de DìPer cacciare fuori i soldi ci vuole la mano di Dio:
è un avaro
Pe canosce a iune, ta da mangè 'nzìeme nu furne de pène (nu sacche de sèle)Per conoscere qualcuno, devi mangiarci insieme un forno di pane (un sacco di sale): ci vuole molto tempo
Pèchere a pasture, e vigne a zappaturePecore a pastori, e vigne a zappatori
Pe ci vòule fatiè, Amèreche iè dò Amèreche iè dePer chi vuole lavorare America è qua, America è là
Pe despìette de la megghière se tagghiò l'acìeddePer fare un dispetto alla moglie si tagliò l'uccello
Pèie de sacca sàue ci sbàglie de chèpa sàuePaga di tasca sua chi sbaglia di testa sua
Pe iogne fìgghie ca nasce Criste te iapre na portePer ogni figlio che nasce Cristo ti apre una porta
Pe l'accassiòune du fuse 'nghiène u zite suseCon la scusa del fuso sale il fidanzato in casa.
Ogni scusa è buona per fare l'amore
Pe l'amòure de la Gravine ammène la PendècchiePer l'amore della Gravina scorre la Pentecchia.
Sono due corsi d'acqua simili, quindi se uno aumenta la portata, lo fa anche l'altro. Il proverbio s'adatta a chi, pur non essendo il diretto in teressato,
si comporta come se lo fosse
Pe l'àscene du pàipe se perde la menestrePer l'acino di pepe (non messo) si perde la minestra
Pe le brutte patìscene le bùenePer i cattivi patiscono i buoni
Paròule ditte 'ngìele stè scritteParola detta in cielo sta scritta.
Il giuramento va mantenuto
Passe l'angele e disce ammennePassa l'angelo e dice amen.
Quando qualcuno impreca contro se stesso spesso va incontro alla sfortuna
Passète le fìeste, ve 'cchianne le ternise 'mbrìestePassate le feste, va cercando quattrini in prestito: perché ha speso quel poco che aveva per i festeggiamenti,
senza risparmiare
Passète Marze, se cambe n'alt'annePassato Marzo, si vive un altro anno.
Lo dicono i vecchi per i quali la brutta stagione è più pericolosa per la salute
Passète u sande, passète la festePassato il santo, passata la festa
Pàsqua Épifanì, tutte le feste pìgghiene la vì.
Disce sande Velèse: Pe fesse m'avite rumèse?
Responne la Canneòure: Ca stòu-che iìe angòure
Pasqua Epifania, tutte le feste prendono la via.
Dice San Biagio: Come un fesso mi avete lasciato? Risponde la Candelora: Che ci sono io ancora
Pàsqua marziène, o uerre o fèmePasqua di Marzo, o guerra o fame
Pàsqua 'mbosse, gregna grossePasqua bagnata, bica grossa: buon raccolto di grano
Pàsqua muttòuse, gregna gravòusePasqua piovosa, bica gravosa: abbondante raccolto
Palma 'mbosse, Pàsqua assutte;
Palma assutte, Pàsqua 'mbosse
Palma bagnata, Pasqua asciutta;
Palma asciutta, Pasqua bagnata
Panza chiàine e chèpa vacande (cundende)Pancia piena e testa vuota (contenta)
Panzette de Gravine, ciobbaciobbe de Ialtamure, culeniure de Sanderme, calzecurte de Matère, màngiagnàgnele de Tritte, voltagiacchette de GrumePancette di Gravina, chiaccheroni di Altamura, culi neri di Santeramo, pantaloni corti di Matera, mangiaghiande di Toritto e voltagabbana di Grumo
Parapatte e péscePari e in pace: pari e patta
Parle a tìembeParla a tempo
Parle camme nu giurnèle (nu libbre) strazzèteParla come un giornale (un libro) stracciato
Parle camme nu libbre stambèteParla come un libro stampato, con precisione e sussiego
Parle camme t'è fatte màmeteParla come ti ha fatto tua madre,
in modo naturale e semplice
Parlè iè iarta leggeParlare è arte leggera: è facile
Parle pu chiumme e pu cumbasseParla col piombo e col compasso:
con misura e con avvedutezza
Parle quanne pisce la iaddineParla quando piscia la gallina: mai
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2020 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu