proverbi e detti popolari gravinesi - N -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - N -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
Na bòtte o cìrchie e iune alla votte (o tumbagne)
Una botta al cerchio ed una alla botte (al coperchio)
Na bòuna dì e na mèle semèneUna buona giornata ed una cattiva settimana:
la felicità dura poco
Na chèche pe na mangèNon caca per non mangiare: è molto avaro
Na chèpe de chiande e na vendre de maccaruneUna testa di pianti ed una pancia di maccheroni:
è un dolore finto
Na cresce pe la malìzzie
Non cresce a causa della malizia
Na desgràzzie chième l'alteUna disgrazia chiama l'altra
Na fèmene e na pàpere fàscene na fèreUna donna e una papera fanno una fiera
Na fèmene e na pàpere revultorne tutta NàpuleUna donna e una papera misero a soqquadro
tutta Napoli
Na mange pe na sci da cùerpeNon mangia per non defecare:
non si prende il bello per non subire il brutto
Na mène lève l'alte, e làssene tutte e du lavèteUna mano lava l'altra, e restano tutte e due lavate
Na me pòute ci avandè, m'avàndeche iìe stesseNon c'è chi mi vanta, mi vanto io stesso
Na mettenne tacque a còusceNon mettere acqua a cuocere.
Non incominciare a darti da fare
Na me tuccuanne ca na te tòccheche
Non toccarmi che non ti tocco
Na me tuccuè ca nati de tòccheche, disse la serpeNon toccarmi che non ti tocco, disse la serpe
Na mòure u carucchièle, ci na nasce u sciambagnuleNon muore l'avaro, se non nasce lo scialacquatore
Na murenne, ciucce mi,
ca te fàzzeche u maste nùeve
Non morire, ciuccio mio, che ti faccio il basto nuovo
Nan bòzzeche sci alla chiese (messe) ca vòuche zuppe, me ne vòuche alla candine chiène chièneNon posso andare in chiesa (alla messa) perché zoppico, me ne vado all'osteria piano piano
Nan de la diche la buscì: iè mègghie maretète
e nòune n'alt'òure vacandì
Non ti dico una bugia: è meglio maritata che
un'altra ora da nubile
Nan de 'ntbeccè, nan de 'ndreiè,
ci a caste cundende vù stè
Non t'impicciare, non t'intrigare, se a casa tua
contento vuoi stare
Nan de 'ndrianne, na de 'mbeccianne, ci a cusse
munne vù cambè
Non t'intrigare, non t'impicciare, se a questo
mondo vuoi campare
Nan de 'ndriè e nan de 'mbeccèNon t'intrigare e non t'impicciare
Nan dène làcreme pe chiangeNon ha lacrime per piangere
Nan de passe me nudde dalla chèpeNon ti passa mai nulla per la testa, sei cretino
Nan de sci appuggianne o paràite scuffelèteNon ti appoggiare al muro crollato,
cercati un appiglio migliore
Nan de sci fermanne me alla prima taverneNon ti fermare mai alla prima taverna
Nan de sci mettenne tra megghière e mariteNon ti mettere tra moglie e marito
Nan deštanne u chène ca dormeNon svegliare il can che dorme
Nan facenne u passe chiù lùenghe de la iammeNon fare il passo più lungo della gamba
Nan gè chèpe nu spingale 'nguleNon gli cape uno spillo in culo: è altezzoso
Nan gè passe la mosche dananze o nèse
Non gli passa la mosca davanti al naso: è iroso
Nan gè stè matremònie senza cundrasteNon c'è matrimonio senza contrasti
Nan gè stè mùerte senza rise e
matremònie senza chiande
Non c'è morto senza risa e matrimonio senza pianto
Nan gì 'mbegnanne le còuse de crè,
percè nan ze sèpe me
Non impegnarti per il domani, perché non si sa mai
Nan gì mettenne la carne 'nnanze o chèneNon mettere la carne davanti al cane
Nan gì mettenne u cambanidde 'nghèpe o pùercheNon mettere il campanello in testa al porco,
se ne inorgoglirebbe
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2019 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu