proverbi e detti popolari gravinesi - M -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - M -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
Madèma cundràrie: quanne chiòuve,
porte l'àcque alle pàpere
Madama contraria: quando piove,
porta l'acqua alle papere
Madèma Petresenelle sciàie acchianne u petresine, e se spezzò la sciaravelle (la iammulelle)
Madama Prezzemolina andava cercando il prezzemolo, e si fratturò la scapola (la gambetta)
Maiestre, lo stesse
Maestro, lo stesso. Bis
Mamme, Cicce me tocche. Cicce, tùccheme arrèteMamma, Ciccio mi tocca. Ciccio, toccami ancora
Mamme e fìgghie so na parìgghieMamma e figlia sono una pariglia
Mamma mamme, camm' àgghi'a fé?
La vecine t'av'a 'mbarè
Mamma mamma, come devo fare? La vicina t'insegnerà
Mange e bìeve a guste tù, e vìestete a guste de l'alteMangia e bevi a gusto tuo, e vestiti a gusto altrui
Mange, e fé sci u velène abbasceMangia, e fai andare il veleno indietro
Mange gràzzie de Dì, e chèche feténderì
Mangi grazia di Dio, cose buone, e cachi fetenzerie
Mange pu baste, e 'nzùrete a casteMangia col basta, con misura, e sposati a casa tua
Mange quanne tiene fème,
e bìeve quanne tiene secche
Mangia quando hai fame, e bevi quando hai sete
Manghe le chène, SegnòureNeppure i cani, o Signore. Formula di scongiuro
Mangianne mangianne, véne l'appetiteMangiando mangiando, viene l'appetito
Màngiapène a trademìende
Mangiapane a tradimento: cattivo lavoratore
M'anne a ceche n'ùcchie, ci diche na buscìMi devono cecare un occhio, se dico una bugia:
formula di giuramento
Marange marange, ci tène le uè se le chiange
Arance arance, chi ha i guai se li piange
Marite e fìgghie, camme Criste
te le manne te le pìgghie
Marito e figli, come Dio te li mandi te li pigli
Marze aggiuste e uasteMarzo aggiusta e guasta: il raccolto dipende da Marzo
Marze assutte, grène pe tutteMarzo asciutto, grano per tutti
Marze chiòuva chiòuve, Aprile iune e bòuneMarzo piove piove, Aprile una e buona.
La pioggia di Aprile è meno frequente ma più consistente e più utile di quella di Marzo
Marze iè pacce: iesse u sòule e vòule u 'mbrelleMarzo è pazzerello, esce il sole e vuole l'ombrello
Marze, la pèchere (ìende) o iazzeMarzo, la pecora nell'ovile,
non è ancora tempo di farla uscire
Marze pe le vìcchie, e Ottobre pe le giùveneMarzo per i vecchi, e Ottobre per i giovani
Marze: picche se spòuse e minghe se péreMarzo: poco ci si sposa ed affatto ci s'accoppia
Marze tène la numenète, e l'alte fàscene le fàttereMarzo ha la cattiva fama, e gli altri fanno i fatti
Mazze e panelle fàscene le fìgghie belle,
panelle senza maze fà scene le fìgghie pazze
Mazze e panelle fanno i figli belli,
panelle senza mazze fanno i figli pazzi
'Mbère l'arte e mìttele da parteImpara l'arte e mettila da parte
'Mbile e spileInfila e sfila: lavoro inutile
'Mbriste u gréne o massèrePresta il grano al massaro: sei sicuro di riaverlo
Mbrìeste u pène a ci tène la farine
Presta il pane a chi ha la farina
'Mbusse ci 'mbusse, pesciàmene ìende alle calzeBagnati per bagnati, pisciamoci nei pantaloni
Mègghie a fé la facce rossa apprime,
e nòune verde doppe
Meglio fare la faccia rossa prima, e non verde dopo: meglio dire subito no che soffrire in seguito
per aver detto sì
Mègghie ammediète ca cumbatuteMeglio essere invidiati che compatiti
Mègghie a murì, ca mèle a cambèMeglio morire, che male campare
Mègghie a perde nu dište ca totte la méne
Meglio perdere un dito che tutta la mano
Mègghie avè a cè 'nge fé pe la corte de Trène
(ca pe tiche)
Meglio avere a che fare con la corte di Trani
(che con te): a Trani c'è la Corte d'Assise
Mègghie avè cìende fìgghie ca iune a suleMeglio avere cento figli che uno solo
Mègghie brutte, ca miche 'ndutteMeglio brutto, che niente affatto
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2019 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu