proverbi e detti popolari gravinesi - L -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - L -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
La banne de Betritte, l'a da paiè pe falla stè citte
La banda di Bitritto, la devi pagare per farla stare zitta
La bedda menenne se spòuse menz'alla chiazzeLa bella ragazza si sposa in mezzo alla piazza, facilmente
L'abete na fèsce u mònecheL'abito non fa il monaco
La bona mamme fèsce la bona fìgghieLa buona mamma fa la buona figlia
La bona megghière fèsce u bùene mariteLa buona moglie fa il buon marito
La bona paròule monge, la triste pongeLa buona parola munge, la trista punge
La brutte pe delitte, la belle pe despitteLa brutta per delitto, e la bella per dispetto
La buscì tène le iamme corteLa bugia ha le gambe corte
La buscì ve 'nnande, e la veretè apprìesseLa bugia va avanti, e la verità dietro
La cambèna chième vecine e lundèneLa campana chiama vicini e lontani
La cambèna rotte cambe de chiù (non ze rombe me)La campana rotta dura di più (non si rompe mai)
La cambène se canosce do sùene, e l'òmene do parlèLa campana si conosce dal suono, e l'uomo dal parlare
La cambène se sende da lundène
La campana si sente di lontano
La Cannelòure, quanda sòule scopre,
tanda nàive copre
La Candelora, quanto sole scopre, tanta neve copre Quanto sole c'è il due Febbraio, tanta sarà la neve
La Cannelòure: u vìerne iè fòure; responne sande Velèse: "Pe fesse un'avite rumèse?"
(Stouche ìe angòure)
La Candelora: dall'inverno siamo fuori; risponde san Biagio: "Per fesso mi avete lasciato?" (Ci sono io ancora)
La capèse, chiù la revùelte e chiù fèteIl vaso da notte, più lo rimesti e più puzza
La carte iè amande de le fiesseLa carta è amante dei fessi
La fortuna al gioco va a chi non merita
La carte vòule u fumeLa carta vuole il fumo
Per favorire la fortuna al gioco, si deve fumare
La catarre e la šcuppette fascene la
chèsa netta nette
La chitarra e lo schioppo fanno la rovina della casa
La cechèla canda canda, e po' šcatteLa cicala canta canta, e poi schiatta
La cére se strusce, e la pregessiòune non gamineLa cera si consuma, e la processione non cammina
La chèpa toste la dòume la corteLa testa dura la doma la corte, il tribunale
La chèpa toste se còusce da sòuleLa testa dura si cuoce sola sola
La chèpe vòule u vìende, e la iamme
vòule l'abbìende
La testa vuole il vento, la gamba vuole il riposo
La chèsa a dò porte, u diàvele se la porteLa casa a due porte, il diavolo se la porta: va in rovina
La chèsa màie iè palazze rièleLa mia casa è palazzo reale
La chèse senza fèmene iè varche senza temòune
La casa senza donna è barca senza timone
L'acidde 'ngabbie cande pe fème o pe ràbbieL'uccello in gabbia canta per fame o per rabbia
L'acidde pisce u lìette, e u cule iève mazzèteL'uccellino piscia il letto, ed il culo riceve le botte
La corte iè corte e la fèsce longheLa corte è corte ma la fa lunga:
le cause giudiziarie durano a lungo
L'acqua picche l'assuche u sòuleL'acqua poca l'asciuga il sole
L'àcqua sciàcqueL'acqua sciacqua, cioè purifica, netta
L'àcqua uaste le pùendeL'acqua danneggia i ponti
L'àcqua zelète na lève le panneL'acqua sporca non lava i panni
L'àcque, addàu tene pendenze, tène cumbedenzeL'acqua, dove ha pendenza, lì ha confidenza
L'àcque ca da béve, na la scì 'ndruvelanneL'acqua che devi bere, non l'intorbidire
L'àcque ca nann'è fatte, 'ngìele stèL'acqua che non è fatta, in cielo sta
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2019 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu