proverbi e detti popolari gravinesi - I -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - I -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Iàbete niure e cuscienza triste frèchene u munne pe l'amòure de CristeAbito nero e coscienza trista gabbano il mondo per amore di Cristo: i preti
Iàcqua citte: nan gì passanneAcqua silenziosa: non passare
Iàcqua picche trapène u sasseAcqua poca trapassa il sasso
Iàcqua sande alle mùerteAcqua santa ai morti
Iàcqua sande e terra sande pure mègghie fàsceneAcqua santa e terra santa fanno anche meglio
Iàcqua séttémbrìne: mange la pecurineAcqua settembrina: mangiano le pecore
Iàcqua stuta fùecheAcqua spegni-fuoco
Iàcqua trùvele 'ngrasse u cavaddeAcqua torbida ingrassa il cavallo
Non bisogna preoccuparsi se l'acqua che beve il cavallo è un po' torbida, non gli farà male
Iàcque d'Aprile iegne u magazzineAcqua d'Aprile riempie il magazzino:
farà bene ai campi
Iàcque d'Aprile, mìere a varrile
Acqua d'Aprile, vino a barili, in gran quantità
Iàcque d'Aguste, iùgghie e musteAcqua d'Agosto, olio e mosto
Iàcque de cìele na uaste mìereAcqua del cielo non guasta il vino: se piove durante la vendemmia o la pigiatura, il vino non ne soffre
Iàcque de Mésce, iàcque d'animmìdieAcqua di Maggio, acqua d'invidia
Iàcque de Sciugne arruine u munneAcqua di Giugno rovina tutto
Iàcque e fùeche: fusce quande pùeteAcqua e fuoco: fuggì più che puoi
Iàcque e morte drète alla porteAcqua e morte dietro la porta: te le devi aspettare all'improvviso, in qualsiasi momento
Iàcque, fegghiande e morte, stè drète alla porteAcqua, parto e morte, sta dietro la porta, in ogni momento ti possono cogliere
Iàcque, femene e fùeche, fusce quande pùeteAcqua, femmina e fuoco, fuggì più che puoi
Iaddine ca cande, iè fatte l'ùeve.Gallina che canta, ha fatto l'uovo
laddine ca na pappe, (vuol dire ca) iè gè pappèteGallina che non mangia, (vuoi dire che) ha già mangiato
Iàgghie sorte e scìettete a mère, ca l'àcque du mère t'ammène da fòureAbbi fortuna e buttati a mare, che l'acqua del mare ti ributta fuori
Ialte le mure, ialte le ceprìesse,
a Ialtamure so tutte fiesse
Alte le mura, alti i cipressi, ad Altamura son tutti fessi
Ianne beseste: o fème, o uerre, o pesteAnno bisesto: o fame, o guerra, o peste
Iarche: o vìende, o iàcqueArcobaleno: o vento, o acqua
Iàrvele cadute: accetta, accetteAlbero caduto: accetta, accetta, dagli addosso
Iàrvele pecche, e ramàgghie secccheAlbero pecca, e ramo secca
Iasse accògghie a tutteAsso prende tutto
Iè bedde, ma se tire la calzetteÈ bella, ma si tira la calzetta, fa la ritrosa
Ié brutte a fé bèneNon è bene far del bene
Ié brutte e de fumeÈ brutto e fumoso, iroso
Ié brutte u diàvele, ma nòune camme se conde
È brutto il diavolo, ma non come lo si racconta
Ié camme u mère, ca chiù tène e chiù vòuleÈ come il mare, che più ha e più vuole
Ié chiù la spèse ca la 'mbrèseÈ più la spesa che l'impresa
Ié fatte la vìsete du mìdecheHa fatto la visita del medico, molto breve
Ié fatte u pirde 'mmenze alla chiazzeHa fatto la scorreggia in mezzo alla piazza:
si è svergognato in pubblico
Ié fernute a bròude de cìcereÈ finita a brodo di ceci. Ci si aspettava chissà quale grande cosa, ed invece...
Ié fernute l'ùgghie alla lambeÈ finito l'olio alla lampada. Sta in fin di vita
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu