proverbi e detti popolari gravinesi - G -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - G -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
Garebbalde: sàupe a iune mette l'alte
Garibaldi: sopra ad uno mette l'altro,
aggiunge debito ad altro debito
Gavetìscete da l'omene ca tarmende 'nderre
Guardati dall'uomo che guarda a terra
Gende de la marine, frèche e camine
Gente della marina: frega e cammina
Gende de la strède, facite u re, ca la reggine iè nète
Gente della strada, fate il re, che la regina è nata.
Si diceva alla nascita di una bambina
Gende de mundagne e lìune de castagne,
iè chiù ciocche pìerde ca ciocche uadagne
Gente di montagna e legna di castagno,
è più ciò che perdi di ciò che guadagni
Gesù Criste iè meste d'asce,
fèsce crusce e ammétte abbasce
Gesù Cristo è falegname, fa le croci e butta giù:
i guai vengono dal cielo
Giòvene vezziuse, vècchie abbesegnuse
Giovane vizioso, vecchio bisognoso
Giuste ceppòune, ca pére baròune
Agghinda un ceppo, tronco informe, e sembra un barone:
anche l'apparenza, la forma, ha la sua importanza
Grussezze iè menza bellezze
Grossezza è mezza bellezza
Guerre e peste (tumbeste), ci se spògghie e ci se veste
Guerra e peste (tempesta) chi si spoglia e chi si veste
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu