proverbi e detti popolari gravinesi - F -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - F -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Facce verde e sènza chelòure,
nemiche de Dì e tradetòure
Faccia verde e senza colore, nemico di Dio e traditore
Fàccia toste de iaddina vècchie
Faccia tosta di gallina vecchia
Facìbbe pe farme la cròusce, e me so cechète l'ùcchie
Feci per farmi la croce, e mi sono cecato l'occhio.
Ho cercato di stare meglio ed invece sto peggio
Facime accamme u uàmbere, ca 'nvesce
de sci all'annanze vè all'andrète
Facciamo come il gambero, che invece
di andare in avanti va all'indietro
Facime sùbbete, ca u vespre mo sàune
Facciamo presto, che il vespro sta suonando
Fammille apprime, e fammille màscule
Fammelo prima, e fammelo maschio:
sono pretese eccessive
Farse le crusce all'ammerse
Farsi le croci alla rovescia: fare gli scongiuri
Fatìcheche e fatìcheche, e sembe scalze vòuche
Lavoro e lavoro, e vado sempre scalzo
Fatte accite da nu bùene veccìere
Fatti uccidere da un buon macellaio
Fatte chèpe, e fatte chèpe de sarèche
Fatti capo, e fatti capo del bastimento (saracco)
Fatte le fàttere tàu: e ci te l'av'à fé fé?
Fatti i fatti tuoi: e chi te li fa fare?
Sarebbe bello se si potesse vivere in pace
Fatte nu nòume, e ve ad arrubbè
Fatti un buon nome, e vai pure a rubare:
se hai una buona fama, nessuno ci crederà
Fatte u lìtte, ca nati zè ci aspìette;
e munne la chèse, ca non zè ci très
Fatti il letto, che non sai chi aspetti;
e scopa la casa, che non sai chi entra
Fé accamme sì fatte, ca na sì chiamète matte
Fai come sei fatto, che non sei chiamato matto
Fé accamme u còure te cumanne
Fai come il cuore ti comanda
Fé bène, ca bène te iàcchie
Fai bene, che bene ti trovi
Fé bène, c'a caste te véne
Fai bene, che in casa ti viene
Fé bene e scùerdete, fé mèle e pìenzece
Fai bene e scordati, fai male e pensaci
Fé bène o pùerche, ca te iunge u musse
Fai bene al porco, che ti ungi il muso
Febbrère: curte e amère
Febbraio: corto e amaro
Febbrère: né iàcque 'nderre né rizze o pagghière
Febbraio: né acqua in terra, né riccio (porcospino)
al pagliaio
Febbrère: notte e dì vonne a pére
Febbraio: notte e dì vanno alla pari
Fé l'alemòsene, e nan gì uardanne
né ci iè ricche né ci iè pòvere
Fai l'elemosina, e non guardare
né se è ricco né se è povero
Fé l'arte ca sé fé, ci nan d'arrecchesce a da cambè
Fai l'arte che sai fare, se non ti arricchisci
hai di che vivere
Fé la vi ca sé, ca iè secure
Fai la strada che conosci, che è sicura
Fèmena adattète ìende a nu buche stè arregestrète
Donna precisa in un buco sta ordinata
Fèmena baffute iè sentbe piaciute
Donna baffuta è sempre piaciuta
Fèmena pelouse, fèmena nervòuse (zezzòuse)
Donna pelosa, donna nervosa (sporca)
Fèmena rosse e cavadde steddète,
accìtele appène nète
Donna rossa e cavallo stellato, uccidili appena nati
Fèmene ca rire, t'è ditte sine
Donna che ride, ti ha detto di sì
Fèmene e ciòccere ann'a passe da na méne
Donne e asini devono passare da una mano sola
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu