proverbi e detti popolari gravinesi - D -

Vai ai contenuti

Menu principale:

proverbi e detti popolari gravinesi - D -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari GravinesiTraduzione
Da fiume citte nan gì passanneDa fiume silenzioso non passare
Da iàcque e fùeche scappe quande pùete
Da acqua e fuoco scappa quanto puoi
Da l'amiche e do parende nan z'accatte e nan ze venne
Dall'amico e dal parente non si compra e non si vende
Dalla chèsa nòuve u prime ad assi iè u mùerte
Dalla casa nuova il primo ad uscire è il morto
Dalla vocche o nèse
Dalla bocca al naso: vicinissimi
Dalle vinde alle trende, valende valende; dalle trende alle quarande, nan dande e na guande; dalla quarandine alla cinguandine, tutte le sère ìende alla candine
Dai venti ai trenta, valente valente; dai trenta ai quaranta, non tanto e non quanto; dalla quarantina alla cinquantina, ogni sera nella cantina
Da mèle paiatòure acciaffe acciocché pùete
Da cattivo pagatore prendi ciò che puoi
Damme tìembe, disse u pappatele alla fève
Dammi tempo, disse alla fava il tonchio:
col tempo ti divorerò
Da na bòuna ròuse nasce na mèla spine, e da na mèla spine nasce na bòuna ròuseDa una buona rosa nasce una cattiva spina, e da una cattiva spina nasce una buona rosa
Da nanze t'allisce, e da drète te pisceDavanti ti liscia, e da dietro ti piscia
Da na ròute de mandìedde nann'esse manghe nu scuffelìedde (na scazzette)Dal panno di una ruota di mantello non esce
neppure un berrettino
Da Natele a sande StèfeneDa Natale a santo Stefano:
dal 25 al 26 Dicembre, per breve tempo
Da piccere e da 'mbrièche se sèpe la veretèteDa bambini ed ubriachi si sa la verità
Da prìevete, mùenece e chène statte lundèneDa preti, monaci e cani statti lontano
Da quanne s'è fatte le solte, na tarmende
'mbacce a nesciune
Da quando si è fatto i soldi,
non guarda in faccia a nessuno
Da sanda Lucì a Natèle allonghe nu passe de chèneDa santa Lucia a Natale allunga un passo di cane: dal 13 al 25 Dicembre le ore di luce aumentano di poco ogni giorno. Prima della riforma gregoriana
Da tutte le vanne stonne le bùene e le malemandeDappertutto ci sono i buoni ed i cattivi
Da vàscia cadute iavetàteveDa bassa caduta guardatevi
Dèbbete luète, fandasìa (malengunìa) passèteDebito tolto, fantasia (malinconia) passata
Deciàie Andrè: "Iè sembe bùene a grattè"Diceva Andrea: "E' sempre bene rubare"
Deciàie tataranne: "Nesciuna amecìzzie
(nesciune bène)dure cìende anne"
Diceva mio nonno: "Nessuna amicizia
(nessun bene) dura cent'anni"
Dè la pàgghie a ci tène u grèneDai la paglia a chi ha grano
De le solte arrubbète nesciune se vète bèneDei soldi rubati nessuno si vede bene
De nu dende ne sàpene trendeDi un dente lo sanno in trenta
Desgràzzie e uè: a ci assè e a ci mèDisgrazie e guai: a chi assai, a chi mai
Designe de pòvere na rièscene meDisegni di poveri non riescono mai
De tìembe o tìembeDai tempo al tempo
De vìerne 'nge vòule fùeche e strafùecheD'inverno ci vuole fuoco e cibo in abbondanza
Dì bène du mère, e statte 'nderreDi' bene del mare, e startene a terra
Dìende e dìbbete luète so delure passèteDenti e debiti tolti son dolori passati
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu