proverbi e detti popolari gravinesi - C2 - - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - C2 -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Càngene le sunature, ma la mùseche (la canzòune)
iè la stesse
Cambiano i suonatori, ma la musica (la canzone)
è la stessa
Cange paìse, ca cange sorte
Cambia paese, che cambi sorte
Canìgghie e iàcqua fredde nann'accòcchiene
Crusca e acqua fredda non si possono mettere insieme, non si uniscono
Canusce l'àrvele do frutte
Conosci l'albero dal frutto
Capidde e uè na mànghene mè
Capelli e guai non mancano mai
Carcere e malati lundène da diesa mi
Carcere e malattia lontano da casa mia
Càreche lìegge strusce u vosche
Carico leggero distrugge il bosco
Carne ca cresce na stèsce mè ferme
Carne che cresce non sta mai ferma
Carnevèle fèsce le dìebbete, e la Quarandène le ve pèie
Carnevale fa i debiti, e la Quaresima li va a pagare
Carnevèle senza dògghie, iòusce la carne e cre le fògghie
Carnevale senza doglianza, oggi carne e domani verdura Senza rammarico, oggi godiamo,
domani staremo in ristrettezze
Carta père iè bòune pu cartère
Carta pari è buona per il cartaio, per chi da le carte
Carvutte carvutte, a tiche diche tutte
Pertugio pertugio, a te dico tutto.
Frase magica usata dai bambini per mantenere un segreto, affidandolo in custodia ad una fessura del muro
Catarine canda cande, ca la vendre stè vacande
Caterina canta canta, che la ventre sta vuota
Cazze e cucchière
Cazzuola e cucchiaio: stanno bene insiema perché simili
Cazze e lazze
Cazzo e lazzo, tutto: la botte piena e la moglie ubriaca
Cazze e manne o furne, camme la fecazze
Schiaccia e manda al forno, come la focaccia:
tu credi che le cose si possano fare bene in fretta,
in quattro e quattr'otto
Cè colpe tene la iatte, ci la patròune iè matte?
Che colpa ha la gatta, se la padrona è matta?
Cé so, de Scevenazze?
Che sono, di Giovinazzo? Sono forse un cretino?
Chedde ca iè giuste iè giuste
Quel che è giusto è giusto
Chedde ca nan ze fèsce, non ze sèpe
Quel che non si fa, non si sa:
per sapere qualcosa bisogna farla
Chèdde ca stè scrìtte 'ngìele, se iàcchie 'nderre
Quello che sta scritto in cielo, si trova in terra:
quel che è scritto nel destino avverrà con certeza
Chède u zappatòure, iè 'mbriachezze,
chède u signorine, iè gnuvelanze
Cade lo zappatore, è ubriachezza; cade il signorino, è un malessere passeggero, uno svenimento
Chelomme, cademe 'mmocche
Fiorone, cadimi in bocca: c'è chi aspetta che il frutto maturi egli cada in bocca per non fare il minimo sforzo
Chelòure de chène ca fusce
Colore di cane che corre, indefinito
Chène abbegnète, e iatte affamète
Cane sazio, e gatta affamata: è una buona regola per esssere ben guardati da ladri e topi
Chène e fìgghie de puttène nann'achiùtene me la porte
Cani e figli di puttana non chiudono mai la porta
Chène na mangia chène
Cane non mangia cane
Chernute e mazziète
Cornuto e mazziato: il danno e le beffe
Chèsa strette, fèmena 'ngegnòuse
Casa stretta, donna ingegnosa: il bisogno aguzza l'ingegno
Chèse de pèchere, recotte de crèpe
e cascavadde de vacche
Cacio di pecora, ricotta di capra e caciocavallo di mucca: sono i migliori
Chèse de sciucquature, na mànghene delure
Casa di giocatori, non mancano dolori
Chèse e capèsa màie
Casa mia e vaso da notte mio: le mie comodità
Chessa tosse m'av'à purtè alla fosse
Questa tosse mi porterà alla fossa, mi farà morire: questo guaio mi danneggerà
Chesse iè la vite, cumbagne chère,
tu da ciucce e ìe da sumère
Questa è la vita, compagno caro, tu da ciuco e io da somaro
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005-2022 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti