proverbi e detti popolari gravinesi - A2- - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - A2-

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Abbasce u tìtele, e ialze la mesète
Abbassa il titolo, ed alza la mesata, il salario mensile:
non darmi titoli onorifici ma soldi
Àbbete na fèsce mòneche, e chìreche na fàsce prèvete
Abito non fa monaco, e chierica non fa prete
Àbbie fertune e scìttete a mère, ca u mère te cacce fòure
Se sei fortunato, puoi anche gettarti in mare,
ed il mare ti ricaccerà fuori
Abbotte accamme u vicce
Si gonfia come il tacchino:
è vanaglorioso, o è gonfio di rabbia repressa
A Bére ve u dritte, a Bére vè u stùerte
A Bari va il dritto, a Bari va lo storto
A cavadde iastemète 'nge lusce u pile
A cavallo bestemmiato (malvisto) gli splende il pelo
Accamme faciàine l'andiche: se mangiàine u scùerze,
e allassàine la mendiche
Come facevano gli antichi: si mangiavano la crosta, e lasciavano la mollica. È un modo di dire scherzoso
Accamme iè la chiande, dacassì iè la raccolte
Come è la pianta, così è la raccolta
Accamme spìenne mange
Come spendi mangi
Accamme uadagne a da spenne
Come guadagni, così devi spendere
Accatte e vinne quanne sì preiète
Compra e vendi quando sei pregato:
allora è conveniente l'affare
Accatte giòvene, e fatte freché
Compra giovane, e fatti fregare.
Se compri un animale giovane ti troverai comunque bene, fai un buon affare, anche se ti dicono il contrario
Accatte u purcidde, ci tìene u canapidde
Compra il maialino, se hai il collarino
Acciaffe ciocche pùete, ca ciocche allasse iè perdute
Afferra quello che puoi, perché ciò che lasci è perduto
Accitapedùcchie e sòunacambène
Uccidipidocchi e suonacampane:
provocatore, vanaglorioso, borioso
A chedda carne 'nge vòule cudde curtìedde
Per quella carne ci vuole quel coltello
A chèse de ialandùmene, prime (nàscene/vènene)
le fèmene e po l'umene
A casa di galantuomini, prima (nascono/vengono) le donne e poi gli uomini. I galantuomini erano i signori, ma anche gli uomini galanti, che davano la precedenza alle donne. Era un modo o per consolarsi quando nasceva una femmina, e si sperava nel maschio per la prosssima volta
A chèse de pezziende na mànghene stòzzere
A casa di pezzenti non mancano tozzi
A chèse de sunature non ze portene sunète
A casa di suonatori non si portano suonate
A chiange u ( a cusse) murte so làcreme perdute
A piangere il (questo) morto sono lacrime perdute
A ci crède, Criste prevvède
A chi crede, Dio provvede
A ci na vòule, iòcchiere da fòure
A chi non vuole, occhi di fuori:
chi non accetta, possa avere dei malanni
A ci pìgghia, pìgghie
A chi prende, prende. A chi tocca, tocca;
a chi capita, capita
A ci tanda tande, a ci nudda nudde
A chi tanto tanto, a chi nulla nulla
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005-2022 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti