Pranz pe la caròus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pranz pe la caròus

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
A magg se casurèscen la pècher e jè na dì rìcch de fatich, de mangiòìt e de devertemènd. A claziàun nu bèll ciambòtt de uggh, cepòdd, fermàgg e jòuv.
Pe 4 persùn
Miinz quìnd d'uggh, na bèlla cepòdda gròss, nu quind de fallàun, e quàtt'òuv.
Se mètt jnd' a na sartascen l'uggh e la cepòdd, tagghiòit a fèdd, quànn jè ruselòit, se mètt u fallàun tagghiòit a pezzitt, po' s'aggiùngen l'òuv sbattut, se fascen quagghè. Pò se mang la recòtta frèscech de le pècher. A menzadì se mang la past cunzòit pu such du castròit e fermàgg, le calzùn pe la recòtt; la carn arrestùt o furnìdd. La sòir quann fernèsc la caròs, se mang u calarìdd, la carn o spìt, se vòiv mìir tùst o verdòich. Fernut de mangè qualche bàll pe degerì.

Tosatura di maggio (Tosa delle pecore)
Nel mese di maggio nelle masserie si usava tosare le pecore, la cosiddetta caròus. Era una lieta festa a cui partecipavano non solo i pastori, ma anche i padroni con le loro famiglie e gli amici. A tutti si serviva la colazione, il pranzo e la cena.

Colazione
Formaggio fresco detto "u fallàun" cipolla e uova.
Mettere in una teglia olio e cipolla affettata e farla cuocere a fuoco lento; aggiungere il formaggio affettato e molte uova sbattute.
Servire poi ricotta fresca.

Pranzo
Ragù di pecora per condire la pasta, abbondante formaggio pecorino.
Carne a ragù, agnello arrostito sui carboni, ricotta fresca, formaggi, frutta.

Cena
Ultimati i lavori, si mangia "u calaridd", la carne allo spiedo, si beve vino rosso o verdeca. Dopo aver finito di mangiare si faceva qualche ballo per digerire, al suono della fisarmonica.

U' CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2020 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu