Parl’ u fong de la Murge Parla il fungo della Murgia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Parl’ u fong de la Murge Parla il fungo della Murgia

Politica e cultura
Pagina a cura di Vito Raguso
Giacché stoime in démocrazi', e' tutte potent parle'
ci s'avand da ddo, e' ci s'avand da ddé
e' vu ca propt ji, ca fazze pure boine a tant
agghia jiésse u ghiu' scioime de tutte quante?

Pure ji chéssa volte, vogghie parle' pe farve sape'
ca so nu parasseite ca shechitte a spoise d'alte pozze cambe'
péro' ji teng' u coure tande buune avaraménte,
ca pure ji douca mange' a tant'alta gènte.

Ci vedjite all'autunne, saupa la Murge quanda gènte ste'
gravenjise, frastjire de do' tturne vénene tutt a fungijie'
perce' de' stoime le mégghie funge de fréule e' cardungidd
ca pe manganze de fatiche, vénene a cambe' tanta paveriedd.

O vosche jind alle tèrre, stoime angoure tanta qualete'
ca so poure buon e tanta gènte ne vénene pur'aaffe'
fung russ, de pagghia, de pigne, de chiuppe e salacuune
péro' besogna ste' nu picche attjinde, pe qualche june.

Quann venite a fung, nan facite iasse accogghiattutte
ca mmenze a chidde buone, ste pure qualche june brutt
disce nu proverbie, ca nescun po' destrugge
"Ogne carna mange, ma da ogne fong fugge".

Ste' u fong cultevoite, ca se putésse ave' chiù' foeede
jié chiù' sciapeite jié voire, péro' jie pure chiù' mercoite
ca pò, accamme jind' o téatre v'imbrogghie, u prestigiatoure, u
comeche mbrugghioite pure vu, abbaste ca pegghioite pe fésso o
stomeche.

A comme fosse, ji fong avaraménte me fazze mange'
so naleménde, ca de tutte manoire me putite fé':
Pu souche, pe la paste, pe u rjise, sfritte e arrestoute
e' com'azzécche u mjire, ci tè fé na bevuute.

Prime, quanne la carne, mange' nan se putaie
quann'ier fest, na menéstre de funge se mangiaie
mentre mo', ji agghiarrevoite a ste’ saupa la tavele p'antepaste
avite a deisce grazie a Crist, e pe chéssa volte bast.
Giacché siamo in democrazia e tutti possono parlare
chi si vanta di qua e chi si vanta di là
e proprio io che faccio bene a tanti
dovrei essere più stupido di tutti quanti?

Anch'io questa volta voglio parlare, per farvi notare
che sono un parassita e solo a spese di altri posso vivere
però ho il cuore, veramente tanto buono,
cosicché anch'io faccio vivere tanta altra gente.

Se vedete in autunno sulla Murgia, quanta gente c'è
gravinesi, forestieri dei dintorni, vengono tutti a funghi
perché siamo li, i migliori funghi, freule e cardoncelli,
così per mancanza di lavoro, con noi trovano da vivere tanti poverelli.

Nel bosco, nei terreni, ci sono ancora tante qualità che sono pure buone
e molta gente ci viene a raccogliere funghi di paglia,
di pini, di pioppi, non ne scartano nessuno eppure è meglio guardarsi bene da qualcuno.

Quando venite a cercar funghi, non fate "asso pigliatutto"
perché fra tanti buoni potrebbe essercene anche uno velenoso
Dice un proverbio che nessuno può distruggere,
"Mangia tutte le carni, ma dai funghi fuggì".

Si è più sicuri invece dei funghi coltivati
sono più insipidi è vero, però sono più venduti
che poi, come in teatro imbrogliano
il prestigiatore, il comico imbrogliate pure voi, basta che prendiate per fesso lo stomaco.

Comunque sia, io fungo mi faccio veramente mangiare,
sono un alimento che potete cucinare in tutti i modi
col sugo, col riso, fritto, ma specialmente arrostito con un pizzico di sale
seguito da un bicchiere di vino è eccezionale.

Prima, quando non si poteva mangiare la carne
quand'era festa, si faceva una minestra di funghi
adesso invece mi trovate nelle mense come antipasto
dovreste dire grazie a Dio e per questa volta basta.
Vincenzo Lorusso, U CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2018 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu