Moisce Maggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Moisce Maggio

Politica e cultura
Quann arrìv Moisce
Gravìn se mètt la vèst ca chiù 'nge pejoisce.

Jè na vèst vèrd e cheluroit
d'èrva frèscech e fejùr profumoit.

Soup a le spadd se mètt u pannarùl
de scecattarùl jùcchje de vouv e pratarùl

'ncoip o post du fazzelètt
na sèrt de rous jarùffel e violètt

e 'ngann pe culloin
le quatt cullìn ca la uarden da luntoin

Andrea Riviello
Quando arriva maggio
Gravina si mette il vestito che più gli piace.

È un vestito verde e colorato
Di erba fresca e fiori profumati

Sopra le spalle si mette il pannarulo
di papaveri occhi di bue e prataiolo.

In testa al posto del fazzoletto
si mette due rose garofani e violette

Sul collo per collana
le quattro colline che la guardano da lontano.
Copyright 2005 -2020 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu