Le lagnanze degli altri provocano danni effettivi al nostro sistema cerebrale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le lagnanze degli altri provocano danni effettivi al nostro sistema cerebrale

Politica e cultura
Passeggiare e condividere momenti di relax con chi si lamenta in continuazione non va bene. Dovremmo evitare di cadere in contesti di lagnanze e inutili chiacchiere. Rimanere esposti a lagnanze, negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale, sia che provengano da persone in carne ed ossa che dai media, in primis la televisione e facebook. Ecco alcune delle riflessioni tratte da un interessante libro di Claudia Galli, Lifesurfing, Anima edizioni, Milano 2013.
".........la presenza di persone che si lamentano, o che chiacchierano senza un fine costruttivo e propositivo, la qualità delle loro vibrazioni negative si ripercuote su di noi e ha un effetto nocivo sui neuroni del nostro cervello. La lagnanza e la chiacchiera sono il frutto di un atteggiamento arcaico, una strategia di sopravvivenza, adottata dal nostro inconscio per liberarci di stati mentali ed emotivi aberranti, che purtroppo va a discapito di chi ne subisce l'influsso passivo. È stato scientificamente provato, che le onde magnetiche caratteristiche delle lamentele e delle chiacchiere, spengono letteralmente i neuroni dell'ippocampo, preposti tra l'altro alla risoluzione dei problemi. Rimanere esposti per più di trenta minuti a lagnanze, negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale, sia che provengano da persone in carne ed ossa che dai media, in primis la televisione. Cosa fare di fronte a manifestazioni di questo genere? I media si possono spegnere, escludere. Con le persone, si può invece cercare di dirottare la conversazione verso argomenti propositivi, o addirittura, suggerire molto diplomaticamente al "lamentoso", di fare tre respiri profondi, espirando forte con la bocca. Naturalmente noi stessi dovremmo evitare di cadere in lagnanze e inutili chiacchiere, consapevoli del fatto che oltre a nuocere a chi ci sta intorno, stiamo letteralmente sprecando la nostra energia. Ma se ascoltare le lamentele degli altri spegne i neuroni, quando siamo noi a farlo, cosa succede? Fisiologicamente, le cellule del nostro cervello si specializzano con contenuti di basso livello, perdendo nel tempo in creatività e capacità di risolvere le situazioni critiche, uscire dalle difficoltà e mettere in moto l'inventiva, cosa che si sviluppa normalmente nelle persone che invece di scegliere la lamentela, trasformano le "crisi" in opportunità: un cervello in movimento, volto continuamente a creare, permette nell'insieme di essere più consapevolPuò capitarci di vivere in contesti nei quali siamo sottoposti a forti pressioni e disequilibri, ambienti carichi di stress e negatività che agiscono come dei veri e propri virus, su tutti i fronti: mentale, emozionale, fisico, ecc. ......". Evitiamo di entrare in conflitto con gli altri. Evitiamoli e basta.
La redazione
Copyright 2005 -2019 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu