Le cecurèdd pu pemedòur

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le cecurèdd pu pemedòur

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Pe quàtt persùn
nu chil de cecurèdd cambèstr,
cinch o sej pemedòur russ,
miinz quind d'uggh,
l'aggh, u sòil,
nu pìcch de fermàgg grattòit.
Se pulìzzen le cecurèdd e se laven tanda vòlt. Po se coscen jnd' a l'acque avùnj. Quann so còtt se scolen e se mettenjnd' a l'acque frèscech ca l'òiv l'amaretuden. Se fòisc fé l'uggh, se mètt l'aggh a spicch sòin ma scazzòit, quann devènd chelòur d'òur se mètt u pemedòur sènza semènd, se mètt' u sòil e se fòisc còusc. Quann jè cutt se mètten le cecurèdd, na manòit de fermàgg e se fòisce nzapuri.

Cicorie selvatiche con il pomodoro
Ingredienti
1 kg di cicorie selvatiche
100 gr. di olio
cinque o sei pomodori rossi
formaggio grattugiato
aglio, sale.
Pulire le cicorie e lavarle più volte per eliminare il terriccio attaccato alle piantine. Cucinarle poi in abbondante acqua. Quando saranno cotte toglierle dall'acqua calda e passarle in acqua fresca per togliere il sapore amaro delle cicorielle. In un tegame far soffriggere uno spicchio d'aglio e poi aggiungere i pomodori fatti a pezzi dopo averli liberati dai semi. Far cucinare per 15 minuti, e poi aggiungere le cicorie, sale e formaggio. Far cuocere per qualche minuto per far insaporire il tutto.

U' CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu