La làina rizz pu merecùtt Le tagliatelle ricce col vincotto

Vai ai contenuti

Menu principale:

La làina rizz pu merecùtt Le tagliatelle ricce col vincotto

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Pe quàtt persùn
Nu quìnde e miinz de sèmel
dò jòv, cenguanda gràmm d'uggh
tré piòrn de pòin grattoit e nu pìcch de merecùtt.

Se mbàst la sèmel pe l'ouv, se gramenòisc fing ca la past devènd lisc, pò se stènn pu jalnatur bèlla fein.

Quann'assùch se tàggh pu fìrr de le chiòser, cudd rìzz, se fascene le strìsc larj nu discet e Iòng nu palm. Se foisc fèrv l'acque se mètt u sòil e s'ammòin la làin. Quann jè còtt se scòul e se mètt jnd a nu piàtt bèli fàtt. Pò se fòisc l'uggh sfritt e se mètt jnd la mendìch, quand jè fatt bèlla ròss s'ammòin saup' a la làin e dopp s'ammòin u merecùtt.
N.B. Cuss piatt pe tradeziòun se mangiaj la dì de San Gesèpp pe second piatt.

Le tagliatelle ricce col vincotto
Ingredienti (per 4 persone)
300 gr. di semola di grano duro
2 uova
50 gr. di olio
tre pugni di pangrattato, vincotto.

S'impasta la semola con le uova e si tira la sfoglia col matterello (o con la macchina per la pasta). Si lascia asciugare un po' la sfoglia e si taglia a strisce larghe un centimetro e lunghe 20-25 cm. con la rotellina seghettata. Si cuociono le tagliatelle e si mettono in un piatto da portata. Si versa il pangrattato nell'olio bollente e si gira velocemente col cucchiaio di legno. Quando è dorato si versa sulla pasta. Infine si mette sopra il vincotto facendo delle decorazioni. N.B. Questo è un piatto tipico di Gravina e si mangiava come secondo piatto il giorno di San Giuseppe.

U CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2020 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu