La furtòit de spàrgen

Vai ai contenuti

Menu principale:

La furtòit de spàrgen

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Le spàrgen salvàgg ca se jacchjn o vòsch, se menòzzen, se laven e s'assùpen. Se fòisc fé l'uggh frevùt, s'ammòin l'aggh, quànn a va ruselòit, se mètten le spàrgen, se vòlten e s'aggiren. Quànn so ammurtesciùt se mètt nu pìcch d'acqu e sòil, se fascen còusc pe na decìn de menùt, pò se mètt nu pìcch de fermàgg e Fuv gè sbattu. Ci pò vu fé na furtòit, se prepòir: l'òuv, la mendìch, u fermàgg, u sòil, u petresìn, na pezzecòit de pàip e chìss spàrgen gè sfrìtt. Se mèscech tutt e se còusc camm la furtòit.

Frittata di asparagi selvatici

Gli asparagi selvatici si trovano, in primavera, nel bosco di Gravina in Puglia
Ingredienti
500 gr. di asparagi selvatici
4 uova
aglio, formaggio grattugiato, pane grattato
sale, prezzemolo, pepe, olio di oliva
Dopo aver pulito e lavato gli asparagi, tagliarli a pezzettini di qualche cm. e asciugarli con un canovaccio. In una padella far soffriggere l'olio con l'aglio e poi aggiungere gli asparagi e farli cucinare per 10 minuti. In una terrina battere intanto le uova con formaggio, pane grattato, sale, prezzemolo e pepe. Unire gli asparagi preparati precedentemente e fare una frittata.

U' CALARIDD - Cucina Gravinese, Cultura, Tradizioni e Storia - Università della Terza Età Gravina in Puglia 1997
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu