La Fèmene La donna

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Fèmene La donna

Politica e cultura
A nasce fèmene jousce
jè na fertune.
Tand'anne ndroite mboisce
na le vulaje nesciune.

Quanne la mammoire
fèmmene la vedaje,
"jè noite na cambioile"!...
alla mamme desciaje.

E jèdde murtefecoite,
penzaje accamme a vaje a fé,
pe discele o marèite
ca u mascule staje ad aspettè.

Le fèmmene so vocche da sfamè,
desciaje u marèite ngazzoite,
"jagghie vogghie a fatiè,
pe falle panne e doute"!

E ci se maretaje?....Cè vèite!
La coise, le figghie, u marèite...
schitte dovoire, nesciune deritte.
La fèmmene jè noite pe fé le calzitte..!

Joire l'ommene ca cummannaje,
u patriarche cerveddèine....
La fèmmene, desciaje,
toine u cervidde de la jaddèine!

Nu citte, prudènde, ubbediènde,
me na me petute defènde!
Ciocche putajme fé?Marèite e uè,
camme Criste u mannaje ne l'avaime a tene.

Mò, fenalmende, le timbe a ne cangioite!
De tenè u cervidde, nge la me demustroite.

O sterze, all'ufficji, ali'ammenistrazione,
afè u giudece, u vigele, u coipe stanzione,
u puleziotte, u carabbenjire,
soipe fé poure u pombjire.

Jinda la puliteche s'avonne ndrufeloite,
a fèu Sineche, alla Camere e o Senoite.

Però l'umene nanze volene rassegnè,
senze de le fammene ciocche a vaine a cumbenè?

Rassegnateve, core mi,
ca la vèite iè dacassì!
Ajire ne tenive sèmbe mbonde,
Jousce...marèite me sì ...meghioire te sòl
A nascere donna oggi
è una fortuna.
Tanti anni fa, invece,
non le voleva nessuno.

Quando l'ostetrica
donna la vedeva,
"è nata una cambiale"!.,
alla mamma diceva.

E lei mortificata,
pensava a come doveva fare
per dirlo al marito
che il maschio stava ad aspettare.

"Le donne sono bocche da sfamare",
diceva il marito arrabbiato,
"hai voglia a lavorare
per farle panni e dote"!

E se si maritava?... che vita!
La casa, i figli, il marito...
solo dovere, nessun diritto.
La donna è nata per fare la calza..!

Era l'uomo che comandava,
il patriarca intelligente...
La donna, diceva,
ha il cervello della gallina!

Noi in silenzio, prudenti, ubbidienti,
mai ci siamo potute difendere!
Cosa potevamo fare? Marito e guai,
come Cristo lo mandava, ce lo dovevamo tenere.

Ora, finalmente i tempi sono cambiati!
Di avere cervello, glielo abbiamo dimostrato.

Al volante, in ufficio, in amministrazione,
a fare il giudice, il vigile, il capostazione,
il poliziotto, il carabiniere,
sa fare anche il pompiere.

Nella politica si sono intrufolate,
a fare il Sindaco, alla Camera e al Senato.

Però gli uomini non si vogliono rassegnare,
senza le donne cosa devono combinare?

Rassegnatevi, cuori miei,
che la vita è così!
Ieri, ci tenevate sempre all'angolo,
Oggi... .marito mi sei... .moglie ti sono!
Maria Giovanna Aliano, “Quann…” Poesie in dialetto gravinese, 2003
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu