L'ammidje L'invidia

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'ammidje L'invidia

Politica e cultura
Pagina a cura di Vito Raguso
L'ammìdje
jè camme la chiande du revetoile,
tepresènde na bèlla facce
ma teponge e tefoisce molle.

Nesciùne a cusse munne
poute passe bòine,
stè sèmbe l'ammediuse
ca te tèire piite e moine.

Stè sèmbe cudde
ca o Iarde na 'mboute arrevè,
dèisce ca jè d'arangete
e su métte a vavescè.

Sèime tante 'ngroite
saupe a chèssa tèrre,
Appoine nghioine nu gradèine
l'alte te tèire subbete 'ndèrre.

Sembe droite a jidde
te voule vede,
ci fé nu passe 'nnande
t'accumènze ammedjè.

L'ammidje
jèpoisce de na mascì,
ci nan de stè attinde
o Criatoure te foisce sci.

Nu bèlle cunzigghie
aggh ' avoute sènza pajè:
"Mitte nu bèlle curne
ca dacassì sa va grattè ".
Maria Giovanna Aliano
L'invidia
è come la pianta del roveto,
ti presenta una bella faccia
ma ti punge e tifa male.

Nessuno a questo mondo
può star bene,
sta sempre l'invidioso
che ti lega mani e piedi.

Sta sempre quello
che al lardo non può arrivare,
dice che è di rancido
e si mette a disgustarlo.

Siamo tanto ingrati
su questa terra,
appena sali un gradino
l'altro ti tira subito a terra.

Sempre dietro di lui
ti vuoi vedere,
se fai un passo avanti
ti comincia a invidiare.

L'invidia
è' peggio di una magia,
se non stai attento
al Creatore tifa andare.

Un bel consiglio
ho avuto senza pagare:
"Metti un bel corno
che così si gratterà ".
Copyright 2005 -2017 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu