Festa dell’Immacolata Concezione - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Festa dell’Immacolata Concezione

Politica e cultura
Pagina a cura di Vito Raguso
Duomo di Montalcino | Francesco Vanni, Immacolata Concezione con Gesù e Dio Padre, 1588
Festa dell’Immacolata Concezione: celebriamo Maria, capolavoro di bellezza voluto da Dio. “La vide bella, la volle più bella, la fece Immacolata!”.
Colei che doveva generare Cristo non poteva essere sottoposta al peccato: per questo Dio l’ha voluta senza macchia.
Un tale modello può risultare incomprensibile nella nostra società. Banalità, volgarità, stupidità ci assediano: è il segno che abbiamo perso non solo il senso del bene, ma anche del bello.
Ha detto bene Benedetto XVI: “La spazzatura non c’è solo in diverse strade del mondo. C’è spazzatura anche nelle nostre coscienze e nelle nostre anime".
E con la caduta dello stile, assistiamo anche a un calo di valori e della dignità umana. I nostri occhi sono sporcati da immagini brutte e volgari. La cronaca di tutti i giorni, ormai, con tutte le sue brutture ci ha abituati al brutto e al male.
Ricordiamoci: “Non sarà l’economia che risolverà i problemi dell’uomo, ma la bellezza” (Dostoevskij).
Siamo tutti avidi di bellezza e felicità, e tuttavia ci attacchiamo alle cose banali e passeggere.
Chiediamo a Maria di essere capaci di dare a questa povera vita il senso, il giusto, il desiderio della bellezza. “Questo mondo in cui viviamo ha bisogno di bellezza per non oscurarsi nella disperazione. La bellezza, come la verità, è ciò che mette la gioia nel cuore degli uomini, è il frutto prezioso che resiste all’usura del tempo, che unisce le generazioni e le congiunge nell’ammirazione” (Messaggi del Concilio Vaticano II).
Festa dell’Immacolata! Festa della nostalgia. Nostalgia di un passato strappato al peccato e agganciato alla grazia. Nostalgia di un avvenire possibile. Nostalgia di ciò che potremmo essere e non siamo!
Solennità dell’Immacolata! Festa che ci fa rallegrare per Maria che non ha conosciuto la colpa. Ma festa per noi, peccatori perdonati! Cioè amati.
NiLo

Copyright 2005 -2021 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu