Chiesa San Giovanni Evangelista in Mater Gratiae

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chiesa San Giovanni Evangelista in Mater Gratiae

Città e territorio
La chiesa si trova nel centro storico del paese. Attualmente è una parrocchia guidata dal rev. Don Michele Capodiferro. La sua costruzione si confonde con le case vicine, priva com'è di una grande facciata di prospetto e di un piazzale antistante. Come chiesa parrocchiale sotto il nome di San Giovanni Evangelista, che tutt'ora conserva, sarebbe stata costruita durante l'episcopato di F. Bosio (1568-1574) su interesse del medesimo vescovo e della famiglia Morra. Necessitava tale chiesa per la cura di quelle anime che abitavano in gran numero le grotte del rione Piaggio, uno dei più antichi. Dal primo gennaio al 24 giugno 1714 il Cardinale Orsini (futuro Papa Benedetto XIII) fu inviato a Gravina come Visitatore Apostolico. La diocesi a lungo era rimasta senza Vescovo, e quindi navigava in un forte degrado, civile e religioso. Continuando la sua visita a Gravina, visitò la Chiesa Parrocchia San Giovanni Eavangelista, e consacrò un altare in onore della Beata Vergine Maria che il popolo chiama "Mater Gratiae": Madre della Grazia. La piccola chiesa è stata ampliata nel 1851 per iniziativa del parroco protempore Michele Porzia. La chiesa è ad una navata con due altari. Quello centrale , in marmo, è adorno della statua della Madonna con Bambino in legno, opera dello sculture Giuseppe Stuflesser di Ortisei ; fu consacrata nel 1874 da monsignor V. Salvatore (1872-1899). L'altro altare, più piccolo, sempre in marmo, è laterale, con statua di S. Anna. L'ingresso della chiesa è costituito da un grande arco in tufo con una edicoletta soprastante che racchiude il quadro di S. Anna. Nella toponomastica cittadina la via San Giovanni Evangelista ha preso il nome dalla chiesa esistente.
Mons. Angelo Casino, Visita Apostolica a Gravina del Cardinale Orsini, in www.gravinaoggi.it
Fedele Raguso-Marisa D'Agostino, "In Gravina per le vie", Lito Pubblicità & Stampa, Bari 1984
Copyright 2005 -2019 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu