U’ MUNACIDDE compie 20 anni - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

U’ MUNACIDDE compie 20 anni

Manifestazioni
La Domenica di vent’anni fa, una sera di primavera, piazza della Repubblica a Gravina era, come di consueto, colma di gente di tutte le età, stipata stretta-stretta come la polpa di un’arancia nella sua buccia.
Bambini che scorrazzavano insolenti e senza inibizioni in quanto a loro tutto è permesso, matrone imbirloccate che costringevano gli uomini a fare crocchio interrompendo così la fila dello struscio, i più giovani appartati in angoli che si erano appositamente riservati per non avere a che fare con gli adulti incomprensibili e rompiscatole.
Il cielo aveva preso ad oscurarsi e i pali dell’illuminazione pubblica ancora non ricevevano l’impulso all’accensione. All’improvviso, quell’atmosfera di tranquilla normalità fu squarciata da un urlo inatteso e sparato a tonalità sovrumana. Una parola in dialetto penetrò con prepotenza nelle orecchie dei paesani: “U’ Munacidde”, destando qualche apprensione per il richiamo a leggende e sortilegi che erano stati relegati a fantasie del passato.
Grande meraviglia e immensa curiosità! Alla luce dei lampioni nel frattempo accesi, un gruppo di giovani “senza ritegno” metteva in scena – sulla strada – i racconti cantati della tradizione popolare, annullando la distanza tra il palco e il pubblico.
La musica popolare risiede nel cuore della folla. Quella voce era di Loredana Savino, che ha conferito all’attività concertistica del gruppo un livello di qualità riconosciuto e apprezzato da moltissimi estimatori. La voce maschile, Sandro Varvara, ha aggiunto forza e colore a tutto il repertorio, avvicinando gli spettacoli alle caratteristiche di una vera e propria rappresentazione teatrale.
L’organico è andato via via crescendo. Nella realizzazione del primo CD furono coinvolti nove elementi: le due voci già citate, 2 fisarmoniche, 2 chitarre e 1 basso acustico, 1 violino e 1 percussionista. Alcuni di questi strumentisti sono rimasti fedeli alla formazione, come Renzo Cicolecchia bravissimo violinista e organizzatore dei concerti, Saverio Paternoster chitarrista e autore appassionato di molti canti popolari, Michele Marrulli che con i tamburi e le altre percussioni ha fornito il ritmo alle performance del gruppo. Altri si sono avvicendati, tutti molto preparati e virtuosi dello strumento; tra di essi va fatto un cenno ai bravi fisarmonicisti di Gravina e, l’ultimo, di Santeramo (Pasquale Barberio) che si sono alternati nel tempo accompagnando le canzoni con l’armonia tipica della musica popolare.
I testi sono vere e proprie storie, a volte allegre a volte drammatiche, quasi tutte anonime e frutto della tradizione orale. Sono stati trascritti e tradotti in lingua dal prof. Tobia Granieri.
Il 25 aprile, giorno della Liberazione, “U’ Munacidde” festeggia vent’anni di carriera, probabilmente con la registrazione di brani inediti. E ’un segnale di ripartenza incoraggiante, che potrebbe coincidere con una fase di riattivazione degli spettacoli dopo le restrizioni imposte dalla pandemia.
Nel terzo millennio la musica popolare gravinese fa un salto di qualità, grazie a una nuova impostazione progettuale: il gruppo  affina la ricerca delle fonti della tradizione orale, arricchisce l’organico nel numero e nella varietà degli strumentisti, inserisce elementi culturali nuovi nei testi e negli arrangiamenti delle canzoni, che sarebbe riduttivo definire contaminazioni tout court, in quanto bisogna riflettere sul fatto che questi musicisti , a differenza dei loro precursori che erano passati per la “scuola della vita”(Rosa Balistreri, Maria Carta, Otello Profazio, Matteo Salvatore), escono dal conservatorio , dispongono di una laurea e hanno seguito corsi di studio e perfezionamento.
Essi puntano all’allargamento delle platee e sono assistiti da un’organizzazione più strutturata, che riesce a far inserire il gruppo nelle competizioni e nei festival nazionali e internazionali, nei quali ottengono premi e riconoscimenti (Roma, Ferrara, Catania, Taranto, Bari, Lecce, Potenza, Benevento, Udine).
La presenza sulla scena è di forte impatto:rimane, ad esempio, nella memoria la figura di “Pombette”, personaggio tipico degli anni quaranta e cinquanta realmente esistito interpretato da Sandro Varvara con una sottolineatura macchiettistica che ha fatto presa sul pubblico, tanto che il brano è stato eseguito persino durante le feste di matrimonio.  
La contiguità o meglio l’apertura ad altre forme di spettacolo porterà gli ex musicisti di strada a comporre la colonna sonora del cortometraggio “Domani non si lavora” in occasione del primo centenario della CGIL e le musiche di uno spettacolo di danza contemporanea al Festival di musica universitaria di Belfort in rappresentanza dell’Italia. Quello spettacolo sarà poi replicato in altre due manifestazioni francesi e a Parigi.
Allora, suona strana la definizione di musica popolare riportata nell’enciclopedia Treccani:” la musica popolare è l’insieme delle diverse tradizioni musicali che non rientrano nell’ambito della musica colta europea”. E’ come dire che i nostri canti soffrono il pregiudizio dell’assenza di cultura.            Certo, essi non sono annoverabili fra le composizioni di musica classica, ma proviamo a smentire quel pregiudizio.
Bela Bartok, musicista ungherese autore delle suggestive “Danze rumene”, dopo aver scoperto le musiche contadine dei magiari, cominciò a includere canzoni popolari nelle proprie composizioni e a scrivere pezzi originali con caratteristiche simili, utilizzando spesso figure ritmiche di matrice folklorica e un accentuato percussionismo. Si spinse fino in Africa per studiare la musica popolare araba.
Roberto De Simone, compositore ed etnomusicologo napoletano, ha avviato, insieme ad Eugenio Bennato, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, esplosa negli anni settanta con “Tammuriata Nera” e con la partecipazione alla rappresentazione teatrale della “Gatta Cenerentola”. Anche in questo caso De Simone ha recuperato e riproposto il patrimonio musicale, teatrale e culturale della tradizione popolare napoletana attraverso un lavoro fatto con indagini approfondite.
Giovanna Marini è una cantautrice e ricercatrice etnomusicale e folkloristica italiana. E’ una delle figure più importanti nello studio, nella ricerca e nell’esecuzione della tradizione musicale popolare.
Anche il lavoro del nostro gruppo è il risultato di una ricerca svolta sui canti e sulla musica della Murgia. Il lavoro ha riportato alla luce molte canzoni dimenticate. I testi svelano abitudini, vizi, furbizie, disagi sociali, feste, tarantelle, confusioni e imbrogli del consorzio umano dell’Alta Murgia dove succede che il cafone riesce a far fortuna in America mentre l’artigiano “rosica”.
In molti casi si tratta di favole/poesie/stornelli/filastrocche in dialetto che si concentrano a ben guardare sul sentimento dell’amore che fa da sfondo e determina l’atteggiamento umano di fronte alle situazioni della vita. La vita della gente comune, nella società rurale murgiana – dove è forte la memoria dell’abbrutimento indotto dalla fatica quotidiana e spesso dalla carenza di beni primari – è vissuta con il miraggio di giungere al coronamento di un sogno d’amore, di un matrimonio con la persona amata senza assecondare imposizioni genitoriali o discorsi di convenienza economica. Questo è il fine da raggiungere ad ogni costo e, se fosse necessario, con il ricorso agli espedienti della magia.
“Cundecelle” (giovane conte) è il primo amore di una ragazza cui la madre vuole rifilare un ricco marchese, proprietario di castelli vicino al mare. Ma la figlia, costretta a sposarlo, lo addormenta con un bacio la prima notte di nozze per correre tra le braccia del vero innamorato.
“La rezzetedde” (la ricciolina) ha conservato una pesca zuccherata che vuol portare al proprio innamorato che sta per morire. Bussa al suo “portone d’argento”, percorre la “scala lucente come brillanti” e lui ne avverte il respiro oltre la porta. Non può accettare la pesca zuccherata in quanto la sua anima è trapassata, ma la sola sua voce lo ha salvato.
Un ruolo importante nel repertorio del gruppo gioca il doppio senso, che è una caratteristica delle canzoni contadine.
Il fidanzato regala alla sua ragazza un cardellino “L’acidde”. E lei non sta nei suoi panni per la gioia: “ièrebedde fatte e chèpe russe”, mentre ascolta i consigli della mamma che, per esperienza, le raccomanda di non lasciarselo scappare come è successo a lei che ne ha persi tanti.Nella disputa tra marito e moglie su chi deve comandare in casa, lui minaccia di fare ricorso a una non ben definita “tromba cu cu”.
Alla fine, dato che negli ultimi anni “U’ Munacidde” è stato assente dalle scene, bisogna riflettere sul perché le attività musicali e artistiche in senso generale debbano correre il rischio della cessazione o della sospensione.
A un certo punto i ragazzi diventano adulti e “mettono la testa a posto”, vale a dire danno una sistemata alla questione del bilancio famigliare, cercando un’occupazione sicura e ”a tempo indeterminato“ e abbandonando le esperienze giovanili in campo musicale. Succede essenzialmente – e nella pandemia in corso ne sanno qualcosa i lavoratori dello spettacolo –a causa della mancanza o dell’insufficienza del sostegno pubblico non solo di tipo economico.
E’ rilevante infatti il deficit di attenzione e sensibilità verso l’attività musicale, ritenuta un sovrappiù nelle occorrenze sociali.
Per l’amministrazione pubblica locale la musica popolare di tradizione, come ho già detto in altre occasioni, non è un bene della comunità da tutelare; il popolo al quale è dedicata l’ampia materia del folklore non ne pretende poi, a ben vedere, la conservazione e il rispetto.
Dobbiamo contrastare il rischio di annientamento del patrimonio culturale delle nostre città, con ogni mezzo, intervenendo con iniziative, eventi e dibattiti a tema.
Un Festival di Musica Popolare dell’Alta Murgia potrebbe, ad esempio, richiamare alla ribalta i vari gruppi musicali del genere presenti nel territorio.
E’ quello che ci auguriamo nel partecipare con ammirazione e riconoscenza alla festa dei vent’anni d’ “U’ Munacidde”.
Giuseppe Marrulli


Copyright 2005 -2021 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti