proverbi e detti popolari gravinesi - T - - GRAVINAOGGI

Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - T -

Città e territorio
Pagina a cura di Vito Raguso
Proverbi e Detti Popolari Gravinesi
Traduzione
Tàgghia tàgghie, o patrune u grène e o cafòune la pàgghie
Taglia taglia, al padrone il grano, al cafone la paglia. Il contadino lavora e lavora, ma al momento della mietitura il grosso del guadagno va al padrone del campo
T'àgghi'a vedè sàupe alle schèle du Priatòrie
Ti devo vedere sulle scale del Purgatorio
Nel passato i mendicanti si mettevano sulle scale di accesso alla chiesa di Santa Maria del Suffragio, detta del Purgatorio, per chiedere l'elemosina
T'àgghi'a 'mbarè e t'àgghie a perde
Ti devo istruire e ti devo perdere
Il mio insegnamento andrà malauguratamente perduto
Tamurène šcattapatène, accitapedùcchie e sòunacatnbène
Altamurani schiattapatate, uccidipidocchi e suonacampane: fastidiosi, vanagloriosi e boriosi
Tande a miche (tiche), tande a Giuanne u banniste
Tanto a me (te), tanto a Giovanni il banditore:
tutti lo sapranno
Tande c'ame fatte trende, facime tréndùne
Tanto che abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno.
Un altro piccolo sforzo lo possiamo fare
Tande iè l'assute quande la trasute
Tanta è l'uscita quanto l'entrata:
si spende tutto il guadagno
Tande iè vére, ca stè u ciucce dè fòure
Tanto è vero, che sta l'asino là fuori
Tande la scennute, tande la 'nghianète
Tanta la discesa, tanta la salita: tutto si paga
Tande le venne, e tande l'accatte
A tanto vende, e a tanto compra: non ci pensa due volte a fare una cosa, non sta tanto a rifletterci sopra
Tande pe vendenòuve, tande pe trende
Tanto per ventinove, tanto per trenta: facciamo un altro piccolo sforzo per completare l'opera
Tande véle arrubbè na chèpe de spìngule
ca na chèpa d'agghie
Tanto vale rubare una testa di spillo che una testa d'aglio: il furto non si misura dalla quantità o dal valore della refurtiva, ma dall'atto in sé
Taralline e bescuttine accundènene la signorine
Tarallini e biscottini accontentano la signorina:
con le buone si ottiene
Tarde veniste e u poste perdiste
Tardi venisti ed il posto perdesti
Taremìendete 'ndrète
Guardati indietro. Così apprezzerai di più la posizione che hai raggiunto; o anche: guardati alle spalle, per evitare brutte sorprese
Te fète angòure la vocche de latte
Ti puzza ancora la bocca di latte:
sei ancora piccolo per certe cose
Tele padre, téle fìgghie
Tale il padre, tale il figlio: qualis pater, talis filius
Tene du pìete ìend'a na scarpe
Tiene due piedi in una scarpa: fa il doppio gioco servendo nello stesso tempo due padroni
Tène la chèpa toste camme le chiangune de la fundène de fòure
Ha la testa dura come le pietre della fontana di fuori città
Tène le pìete dolce
Ha i piedi dolci: ha i piedi piatti
Tène n'ùcchie o pesce e iune alla sartàscene
Ha un occhio al pesce ed uno alla padella: dappertutto
Tène nu sacche de sèle inde alla checozze
Ha un sacco di sale nella zucca, è molto intelligente
Tène u scrusciète e nòune u cavadde
Possiede il frustino e non il cavallo
Tène u sendemende de la crèpe (de Mechèle Recchiòune)
Possiede l'intelligenza della capra (di Michele Ricchione): è un cretino
Tenghe u ciucce e stè alla fère
Possiedo l'asino e sta alla fiera:
una scusa per non dire di esserne privo
T'è piaciute la polpe, e mo spùlpete l'ùesse
Ti è piaciuta la polpa, e adesso spolpati l'osso
T'è piaciute u dolce, e mo pìgghiete l'amère
Ti è piaciuto il dolce, ed ora prenditi l'amaro
Ternise e iòcchiere da fòure, na volte assute
na tràsene chiù
Quattrini ed occhi di fuori, una volta usciti
non rientrano più
Terra nòuve, viète a ci la pròuve
Terra nuova, beato chi la prova. Una terra vergine è più produttiva e fertile. Ma c'è un'allusione ambigua
Terra vacande na pèie a patrune
Terra vuota non paga padrone. Se un fondo è abbandonato, chi Io coltiva non deve pagare nessuno
Terrène terrène, ci l'acchie se lu tène
Terreno terreno, chi lo trova se lo tiene
Quando qualcuno ha perso qualcosa, i bambini recitano questa battuta, e chi trova l'oggetto o la moneta presume di appropiarsene
Terre quande ne scùepre, e chèse quande te cùepre
Terra quanto ne scopri, e casa quanto ti copra. La casa deve essere piccola, l'estensione della terra di proprietà invece il più ampia possibile
Tiembe de uerre, afferre afferre
Tempo di guerra, afferra afferra
Tiembe russe, vìende o 'mbusse
Tempo rosso, o vento o pioggia.
Se il cielo è rosso ci sarà vento o pioggia
Tìene e tìene, e se ne scì sand'Ammanadìene
Tieni e tieni, e se andò san Mantieni: pazienza e pazienza e se ne andò la santa Pazienza
Tieneme ca te tenghe
Tienimi che ti tengo:
si dice di qualcuno o qualcosa che sta per cadere
Tìene quanne tìene, ca quanne non dìene nesciune
te dèsce
Tieni quando tieni, che quando non tieni nessuno ti da
Tìenete allegre, ca crè a da iesse zite
Tieniti allegro, che domani sarai sposo.
Domani sarai felice
Tira tire, la corde se spezze
Tira tira, la corda si spezza
Tire ca vene
Tira che viene. Bussate e vi sarà aperto
Tire chiù nu pile de fèmene ca na parìgghie de vùeve
Tira più un pelo di donna che una coppia di buoi
Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000
Copyright 2005-2022 Gravinaoggi Associazione Culturale - Gravina in Puglia
Torna ai contenuti