Gravina in Puglia, notizie, storia, cultura,politica,turismo


Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - N2 -

Citt e Territorio

Pagina a cura di Vito Raguso

Gravina in Puglia Habitat Ropestre San Michele

Proverbi e Detti Popolari Gravinesi

Traduzione

Nan g pegghianne l'asse pe fegure

Non prendere l'asso per figura:
non prendere fischi per fiaschi

Nann'accattatine la iatte ende o sacche

Non comprare la gatta nel sacco:
guarda bene quando compri

Nann'acchie addu f l'eve

Non trova dove fare l'uovo, non ha requie

Nann'arrive la Psque, ci la lune nann' fatte

Non arriva la Pasqua, se la luna non fatta

Nann' bene n pe D, n pu munne

Non buono n per Dio, n per il mondo

Nann' bene n pu ciele, n pe la terre

Non buone n per il cielo, n per la terra:
un ignavo, un inetto

Nann' tande chre l'gghie e u sle,
quande coste la megghire

Non tanto caro l'olio e il sale, quanto costa la moglie

Nann' tende, i callre

Non tnta, caldaia, comunque sporca di fuliggine

Nann've ce iarte f (petten)

Non ha che arte fare, pettinare: non ha niente da fare

Nan ze chiange u bne, ci nan ze perde

Non si piange il bene, se non si perde

Nan ze file e nan ze tesse, e chessa lne d'addu iesse?

Non si fila e non si tesse, e questa lana da dove esce?
Si dice di ricchezze di dubbia origine

Nan zembe le bene ionne apprezzte

Non sempre i buoni sono apprezzati

Nan zembe rre la tnegghire du ladre

Non sempre ride la moglie del ladro

Nan zende u cerne e manghe u scerne

Non sente la vergogna e neppure il rimprovero

Nan ze prtene sunte alla chse de sunature

Non si portano suonate a casa di suonatori

Nan ze pute ave la carne senza l'esse

Non si pu avere la carne senza l'osso

Nan ze pute cand e purt la crusce

Non si pu cantare e portare la croce

Nan ze putine ave ci nan ze rassemegghiine

Non si potevano avere se non si rassomigliavano

Nan ze spe de c morte se mure

Non si sa di che morte si muore

Nan zo stte ie, i stte u chne de la massar

Non sono stato io, stato il cane della masseria

Na porte s'achiute e cende se iprene

Una porta si chiude e cento si aprono

Na pute st Marze senze la Quarandne

Non ci pu essere Marzo senza la Quaresima

Na pute sun la cambna menenne,
ci nann' sunte chedda granne

Non pu suonare la campana piccola,
se non ha suonato quella grande

Na rsce u scerne, e rsce u cerne

Non sopporta il rimprovero, e sopporta la vergogna

Na sc scenne do sapute, ma do potute

Non andare da chi sa, ma da chi ha patito

Na spe ten u ccere 'mmocche

Non sa tenere il cece in bocca: non sa stare zitto

N'a sfritte pulpe!

Ne hai fritti di polpi! La sai lunga!

Na st mgghie surde di ci na vule sende

Non c' miglior sordo di chi non vuole udire

Na st merte senza rire, na st zite senza chiange

Non c' funerale senza ridere, n nozze senza piangere

Na st sbbete senza sule, na st fgghie
(la segnure) senza amure

Non c' sabato senza sole, non c' figliola
(la signora) senza amore

Natele allonghe nu passe de chne

Natale allunga un passo di cane. Dopo Natale le ore di luce aumentano un poco ogni giorno

Natele ascure, grne senza mesure

Natale oscuro, grano senza misura:
cattivo tempo a Natale vuoi dire buon raccolto

Natele e Carnevle a caste, e Psque addu te icchie

Natale e Carrnevale a casa tua, e Pasqua dove ti trovi

Natele pe mmete, e Psque pe ci te icchie

Natale con tua madre, e Pasqua con chi ti trovi

Na tne pchere e venne la lne

Non ha pecore e vende lana

Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000

 

Home Page | Citt e Territorio | Manifestazioni | Palazzo di Citt | Politica e cultura | Cerca - Contatti | Leggi i giornali | Fotogallery | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu