Gravina in Puglia, notizie, storia, cultura,politica,turismo


Vai ai contenuti

proverbi e detti popolari gravinesi - I -

Citt e Territorio

Pagina a cura di Vito Raguso

Gravina in Puglia La Gravina

Proverbi e Detti Popolari Gravinesi

Traduzione

Ibete niure e cuscienza triste frchene u munne pe l'amure de Criste

Abito nero e coscienza trista gabbano il mondo per amore di Cristo: i preti

Icqua citte: nan g passanne

Acqua silenziosa: non passare

Icqua picche trapne u sasse

Acqua poca trapassa il sasso

Icqua sande alle merte

Acqua santa ai morti

Icqua sande e terra sande pure mgghie fscene

Acqua santa e terra santa fanno anche meglio

Icqua sttmbrne: mange la pecurine

Acqua settembrina: mangiano le pecore

Icqua stuta feche

Acqua spegni-fuoco

Icqua trvele 'ngrasse u cavadde

Acqua torbida ingrassa il cavallo
Non bisogna preoccuparsi se l'acqua che beve il cavallo un po' torbida, non gli far male

Icque d'Aprile iegne u magazzine

Acqua d'Aprile riempie il magazzino: far bene ai campi

Icque d'Aprile, mere a varrile

Acqua d'Aprile, vino a barili, in gran quantit

Icque d'Aguste, igghie e muste

Acqua d'Agosto, olio e mosto

Icque de cele na uaste mere

Acqua del cielo non guasta il vino: se piove durante la vendemmia o la pigiatura, il vino non ne soffre

Icque de Msce, icque d'animmdie

Acqua di Maggio, acqua d'invidia

Icque de Sciugne arruine u munne

Acqua di Giugno rovina tutto

Icque e feche: fusce quande pete

Acqua e fuoco: fugg pi che puoi

Icque e morte drte alla porte

Acqua e morte dietro la porta: te le devi aspettare all'improvviso, in qualsiasi momento

Icque, fegghiande e morte, st drte alla porte

Acqua, parto e morte, sta dietro la porta, in ogni momento ti possono cogliere

Icque, femene e feche, fusce quande pete

Acqua, femmina e fuoco, fugg pi che puoi

Iaddine ca cande, i fatte l'eve.

Gallina che canta, ha fatto l'uovo

laddine ca na pappe, (vuol dire ca) i g pappte

Gallina che non mangia, (vuoi dire che) ha gi mangiato

Igghie sorte e scettete a mre, ca l'cque du mre t'ammne da fure

Abbi fortuna e buttati a mare, che l'acqua del mare ti ributta fuori

Ialte le mure, ialte le cepresse, a Ialtamure so tutte fiesse

Alte le mura, alti i cipressi, ad Altamura son tutti fessi

Ianne beseste: o fme, o uerre, o peste

Anno bisesto: o fame, o guerra, o peste

Iarche: o vende, o icque

Arcobaleno: o vento, o acqua

Irvele cadute: accetta, accette

Albero caduto: accetta, accetta, dagli addosso

Irvele pecche, e ramgghie seccche

Albero pecca, e ramo secca

Iasse accgghie a tutte

Asso prende tutto

I bedde, ma se tire la calzette

bella, ma si tira la calzetta, fa la ritrosa

I brutte a f bne

Non bene far del bene

brutte e de fume

brutto e fumoso, iroso

I brutte u divele, ma nune camme se conde

brutto il diavolo, ma non come lo si racconta

I camme u mre, ca chi tne e chi vule

come il mare, che pi ha e pi vuole

I chi la spse ca la 'mbrse

pi la spesa che l'impresa

I fatte la vsete du mdeche

Ha fatto la visita del medico, molto breve

fatte u pirde 'mmenze alla chiazze

Ha fatto la scorreggia in mezzo alla piazza:
si svergognato in pubblico

I fernute a brude de ccere

finita a brodo di ceci. Ci si aspettava chiss quale grande cosa, ed invece...

I fernute l'gghie alla lambe

finito l'olio alla lampada. Sta in fin di vita

Mimma Di Benedetto - Tobia Granieri "Proverbi Gravinesi", Bari, 2000

 

Home Page | Citt e Territorio | Manifestazioni | Palazzo di Citt | Politica e cultura | Cerca - Contatti | Leggi i giornali | Fotogallery | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu