Gravina in Puglia, notizie, storia, cultura,politica,turismo


Vai ai contenuti

Gravina in Puglia. Qui abita l’ira.

Politica e cultura

Gravina in Puglia Panorama


"Questa enormità urbana - un secolo sull'altro - si mantiene e sostiene come scala di bicchieri di cristallo, gli uni sopra gli altri. In bilico. L'ospite si emoziona ma poi s'indigna. La sensibilità della storia che si fa persona si arrovella, si arrampica, si fa ciclope e poi nessuno. Quindi, con il basta finisce con il convivere.

Le speranze solitarie si esauriscono sempre in rese incondizionate, per cui, prima che qualcuno o qualcos'altro cancelli anche questo mero umanissimo, tenerissimo e tragico, ti chiedo di valutare la estrema, eccezionale urgenza di un punto all'ordine del giorno del Consiglio regionale pugliese perché la questione etica ed istituzionale sulla conoscenza di questa città, martoriata dagli abbandoni e dall'indifferenza, porti alla rapida istituzione di una taskforce in grado di rassicurare i tumulti di sentimenti in disordine e di porre mano in tempi strettissimi alla realizzazione di sicurezze urbane.
E così da piazza Arcangelo Scacchi, scendendo per via Matteotti sino alla punta di via Marconi, attraversata piazza della Repubblica e piazza Plebiscito, assisti ad un disastro ambientale. Una pavimentazione colabrodo con l'acqua che penetra, scivola rapidamente sotto a colmare cantine, foggiane e grotte per sbriciolare, prima o poi, anche le fondamenta dei palazzi circostanti. Per lutti che potranno ripetersi. Il rione Piaggio è abbandonato da quarant'anni, mentre le case sventrate ed implose si aprono negli anditi pericolanti, nei pozzi e sotterranei, invitanti ad un degrado senza limite. Il rione Fondovito, pure abitato, si rappresenta ancora più pericolosamente per la presenza di voci, di odori, di grida di bambini.
La città del burrone si offre al sole ed alla luna, alle nebbie ed al gorgoglio delle acque de La Gravina tra
chiese rupestri e meandri di grotte, riuscendo persino a disegnare una geometria dell'acqua piovana per una sete antica.
A Matera, un giorno dei primi anni cinquanta, scese il Presidente De Gasperi, si commosse, forse pianse e i
contadini presero a risalire dai bassifondi. Qui, a poco più di venti chilometri, non è ancora mai sceso nessuno per commuoversi e forse piangere. Qui abita l'ira. Come vedi, una storia lunga, sofferta, ingiusta e pure sconcia. Sconcia".
(dall' Appello dell'ex sindaco Rino Vendola al presidente della giunta regionale del 5 marzo 2008)

Home Page | Città e Territorio | Manifestazioni | Palazzo di Città | Politica e cultura | Cerca - Contatti | Leggi i giornali | Fotogallery | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu